Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Leasing: ora il bollo auto lo paga l’utilizzatore dell’auto

30 Luglio 2015 | Autore:
Leasing: ora il bollo auto lo paga l’utilizzatore dell’auto

Responsabile è solo il cliente che utilizza il mezzo: la nuova norma di interpretazione autentica approvata con il maxiemendamento sul Dl Enti Locali.

Il Leasing diventa meno conveniente: da oggi, in caso di auto presa “a leasing”, la tassa di circolazione (il cosiddetto il bollo auto) la pagherà solo l’utilizzatore del mezzo e non la società titolare. La vera novità, però, è che la responsabilità del mancato pagamento sarà esclusivamente dell’utilizzatore e non anche della società di leasing. Insomma, non ci sarà più alcuna responsabilità in solido tra i due soggetti.

È questo il frutto di un emendamento al Dl enti locali che, appena approvato con fiducia dal Senato, si appresta a diventare legge dopo il nulla osta della Camera.

Se sull’obbligo di pagamento del bollo già la legge del 2009 [1] aveva chiarito che il soggetto tenuto al versamento è solo l’utilizzatore, era rimasto incerto se la responsabilità, in caso di omissione di pagamento, dovesse competere solo a quest’ultimo o anche, in solido, alla società vera titolare del mezzo. La questione era tanto ambigua che numerosi giudici [2] avevano continuato ad affermare il principio di responsabilità solidale: ossia, in caso di mancato pagamento da parte del cliente, il fisco avrebbe sempre potuto rivalersi contro l’azienda di leasing. Ora, però, il maxiemendamento risolve le incertezze con una interpretazione autentica della legge del 2009, esonerando da ogni responsabilità la società.

Il bollo, inoltre, andrà pagato non più alla Regione in cui ha sede la società, ma a quella in cui risiede l’utilizzatore suo cliente. Il che, se da un lato può limitare la concorrenza fiscale tra Regioni, dall’altro può complicare i conteggi per la ripartizione del gettito tra esse.

Il cambio di attribuzione del gettito ha lo scopo di evitare che gli operatori scelgano la sede in base alle tariffe vigenti nelle varie parti d’Italia. Ma le perdite di gettito per le zone meno “competitive” sono dovute anche alle norme per l’Ipt delle Province di Trento e Bolzano per i noleggiatori.


note

[1] Legge 99/2009, art. 7.

[2] CTP Milano, sent. n. 438/28/2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.


 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI
CERCA SENTENZA