Diritto e Fisco | Articoli

Nuovo giudice dopo la precisazione delle conclusioni: la sentenza è nulla

31 Luglio 2015 | Autore:
Nuovo giudice dopo la precisazione delle conclusioni: la sentenza è nulla

La sentenza pronunciata da un giudice diverso da quello che ha assistito alla precisazione delle conclusioni è nulla ma la nullità è sanata se le parti non la impugnano.

 

Il cambiamento del giudice dopo che le parti hanno già precisato le conclusioni della causa, costituisce motivo di invalidità della sentenza, ma il vizio deve essere fatto valere con gli ordinari mezzi di impugnazione.

È quanto precisato dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite [1]. In particolare i giudici hanno chiarito che la sentenza pronunciata da un giudice diverso a quello dinanzi al quale le parti hanno precisato le conclusioni non è affetta da inesistenza bensì da nullità sanabile, in quanto consistente in vizio di costituzione del giudice [2].

L’invalidità in questione, pur essendo nullità assoluta, non si sottrae al principio generale di conversione automatica delle cause di nullità in motivi di impugnazione [3]. Ne deriva che la parte che vuole far valere il vizio di nullità deve impugnare la pronuncia nei modi e termini previsti dal codice di rito.

In caso di mancata impugnazione, infatti, la nullità viene sanata dal passaggio in giudicato e non è più rilevabile, neppure d’ufficio.

Con tale decisione le Sezioni Unite hanno posto fine al contrasto giurisprudenziale relativo alla sanabilità/insanabilità del vizio di nullità. È stato respinto l’orientamento opposto secondo il quale la sentenza emessa dal giudice costituitosi dopo la precisazione della conclusioni sarebbe affetta da inesistenza, insanabile e rilevabile d’ufficio (a prescindere dunque dall’impugnazione) per vizio di sottoscrizione della pronuncia da parte di un giudice diverso da quello investito della cognizione del processo [4].


note

[1] Cass. Sez. Unite sent. n. 26938/2013.

[2] Art. 158 cod. proc. civ.

[3] Art. 161 cod. proc. civ.

[4] Art. 161, c. 2, cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube