Diritto e Fisco | Articoli

Autotutela all’Agenzia Entrate: si può ricorrere

4 Agosto 2015
Autotutela all’Agenzia Entrate: si può ricorrere

Il fisco ha l’obbligo di disporre lo sgravio, anche se l’accertamento è divenuto definitivo, se l’atto viola le regole di imparzialità, correttezza e buona amministrazione.

Tutela ampia per i contribuenti che presentano ricorso in autotutela all’Agenzia delle Entrate, anche se l’accertamento è divenuto definitivo e non più impugnabile al giudice tributario: secondo, infatti, una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Palermo [1], in caso di diniego, da parte del fisco, alla richiesta di annullamento dell’atto in autotutela, il contribuente può sempre presentare ricorso davanti al tribunale. E ciò anche se il “diniego di autotutela” non rientra nell’elenco di quegli atti che la legge ritiene impugnabili, ossia contro i quali è possibile ricorrere (un elenco ritenuto tassativo).

L’unica condizione che consente al contribuente di presentare ricorso contro un atto di autotutela è che l’atto stesso sia “espressione di una compiuta pretesa tributaria[3].

Dunque, in presenza di un errore dell’amministrazione, non è vero che lo sgravio è facoltativo: al contrario, l’Agenzia delle Entrate (così come, del resto, tutta la pubblica amministrazione) deve annullare l’atto, al fine di conformarsi alle regole di imparzialità, correttezza e buona amministrazione [4].

In buona sostanza, la sentenza in commento sottolinea un aspetto fondamentale dei rapporti tra cittadini e fisco: l’autotutela, in caso di errore dell’Agenzia delle Entrate, non è un optional ma è obbligatoria, anche se l’accertamento è divenuto definitivo. Non vi è spazio alla discrezionalità dell’ufficio: essa infatti sconfinerebbe nell’arbitrio, in palese contrasto con l’imparzialità, correttezza e buona amministrazione che sempre debbono informare l’attività dei funzionari pubblici.


note

[1] CTR Palermo, sez. Catania, sent. n. 3177/17/15 del 15.07.2015.

[2] Art. 19 d.lgs. n. 546/1992.

[3] Cass. sent. n. 14243/15 dell8.07.2015.

[4] Cass. sent. n. 6283/2012 del 20.04.2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube