Diritto e Fisco | Articoli

Imposte e tasse non vanno in vacanza, le scadenze per il mese di agosto

4 agosto 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 agosto 2015



Unico, Irpef, bollo auto: cittadini e imprese devono mettere mano ai portafogli anche nel mese del solleone

Dopo l’abbuffata di tasse dei primi mesi dell’estate –Imu, Tasi, Tari, modello 730 e Unico -, anche il classico mese dedicato alle vacanze riserva occasioni per pagare altri tributi.
Il Paese si ferma – anche se un po’ meno rispetto a qualche anno fa – il Fisco no. E pensa a noi…

La carrellata di scadenze agostane è ricca e vede come primo appuntamento il 20 agosto, data entro la quale sono previsti una serie di adempimenti a carico di imprese e cittadini:
liquidazione Iva mensile, relativa la mese precedente e versamento connesso al secondo trimestre 2015 (chi possiede una partita Iva),
versamento ritenute Irpef per dipendenti e collaboratori relative al mese precedente (interessa i sostituti d’imposta, solitamente le imprese e i datori di lavoro),
ravvedimento operoso (una specie di pentimento: il contribuente paga al Fisco prima dell’arrivo della segnalazione o della cartella) per la regolarizzazione dei versamenti di imposte e ritenute non effettuati (o effettuati in misura insufficiente) entro il 16 luglio 2015, con la maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta al 3% ,
– versamento contributi previdenziali per i dipendenti e collaboratori (imprese, datori di lavoro).

Da non dimenticare che il 20 agosto è il termine ultimo per pagare i versamenti previsti da Unico con la mini maggiorazione dello 0,4%. I pagamenti riguardano l’Irpef, l’Ires, l’Irap, le addizionali Irpef, il saldo Iva, i contributi previdenziali, l’imposta sostitutiva regime nuove iniziative e minimi, cedolare secca e acconti del 20% per i redditi a tassazione separata.
Questa ulteriore proroga – la prima senza sanzione era prevista per il 6 luglio – interessa sia i soggetti che esercitano attività sottoposte agli studi di settore, sia coloro che hanno presentato cause di inapplicabilità o esclusione da essi. Sono compresi tutte le organizzazioni che utilizzano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile, i lavoratori in mobilità, i soggetti che determinano il reddito forfettariamente, i soci di società di persone e di società di capitali in regime di trasparenza.

Infine chiusura in bellezza – si fa per dire – con due adempimenti fissati per il 31 agosto:
– per i contratti di affitto, versamento dell’imposta di registro se stipulati il 1° agosto 2015, oppure rinnovati tacitamente con decorrenza dall’inizio del mese;
bollo auto: i cittadini che abitano nelle Regioni dove non è stato deliberato alcun termine differente – Piemonte e Lombardia – versamento, inerente alle autovetture di 35 kw, con bollo scaduto nel mese di luglio 2014. Lo stessa data vale per le auto iscritte negli ultimi dieci giorni di luglio 2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI