Diritto e Fisco | Articoli

Cassa integrazione: per le dimissioni serve il preavviso

9 Agosto 2015
Cassa integrazione: per le dimissioni serve il preavviso

Sono in cassa integrazione ordinaria a zero ore con integrazione diretta dall’Inps: nel caso trovassi altra occupazione e mi licenziassi io, devo dare comunque il preavviso?

Dal punto di vista formale, durante il periodo di cassa integrazione il rapporto di lavoro è regolarmente in corso, anche se la prestazione è sospesa. Pertanto, almeno in linea di principio, il dipendente che si dimette durante la cassa integrazione è comunque tenuto ad osservare il periodo di preavviso stabilito dal contratto collettivo. Sarà eventualmente il datore di lavoro – qualora non sia in grado di ricevere la prestazione – a dispensare il lavoratore dall’effettuare il periodo di preavviso.

A livello pratico, la comunicazione delle eventuali dimissioni potrà contenere la richiesta ad essere dispensato dall’onere del preavviso. In tal caso, concordando la rinuncia al periodo di preavviso, non ci sarà trattenuta della corrispondente indennità di mancato preavviso e il lavoratore potrà cessare da subito il proprio rapporto di lavoro.

In ogni caso le dimissioni andranno sempre convalidate presse le sedi abilitate ovvero sottoscrivendo la successiva comunicazione di cessazione inoltrata dal datore di lavoro.

Invece, il diritto a richiedere l’indennità da parte del lavoratore sorge nel momento in cui fosse il datore di lavoro a procedere al licenziamento senza rispettare il periodo di preavviso previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro, facendo così scattare l’obbligo a compensare il mancato preavviso con la correlata indennità sostitutiva.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Scusami ma se è come dici Tu, se un dipendente che è in CIGO, quindi di fatto pagato dall’INPS, si dimette è deve comunque rispettare il preavviso di 60/90 giorni, a secondo dell’età di impiego, in questi 60/90 giorni chi lo continua a pagare l’INPS? Non credo proprio! Quindi due sono le cose o si interrompe immediatamente il rapporto di lavoro, oppure l’azienda lo ritira dalla Cigo e se lo paga Lei per il tempo di preavviso.

    1. 3a possibilità: si interrompe il contratto di lavoro in essere e e ci si mette d’accordo (scritto):
      1) il datore di lavoro rinuncia a far lavorare il preavviso;
      2) il lavoratore rinuncia all’indennità sostitutiva del preavviso stesso.
      … resta il dubbio che durante la Cig non si può licenziare o dare le dimissioni (mi sembra una circolare del 2005), conviene che il datore sospenda la Cig per quel lavoratore e faccia un accordo scritto con lo stesso.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube