Diritto e Fisco | Articoli

Accertamento fiscale illegittimo senza invito a giustificare i redditi

10 Agosto 2015
Accertamento fiscale illegittimo senza invito a giustificare i redditi

L’Agenzia delle Entrate deve sempre inviare al contribuente accertato un invito, in via bonaria, a dare spiegazioni e documentare le ragioni dell’anomalia riscontrata dal fisco.

Qualora l’Agenzia delle Entrate proceda a un accertamento fiscale di tipo “sintetico” sul reddito del contribuente, prima di notificargli l’atto definitivo deve sempre invitarlo a fornire, in via amministrativa e bonaria, dati e notizie onde giustificare la propria posizione. In assenza di tale requisito preventivo, la verifica è sempre nulla per violazione dell’obbligo del contraddittorio, anche se il contribuente non riesce a fornire, nel successivo giudizio innanzi al giudice, le giustificazioni relative al maggior reddito contestato.

Lo ha chiarito la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia in una recente sentenza [1].

Insomma, il contribuente deve essere sempre convocato dall’ufficio a fornire giustificazioni, cioè dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento, così come previsto dalla legge [1] e, ormai, dalla giurisprudenza unanime, anche quella della Cassazione a Sezioni Unite e della Corte di Giustizia Europea.

Dalla lettura della norma e dalle pronunce dei tribunali si evince chiaramente l’obbligo, per l’Agenzia delle Entrate che procede alla determinazione del reddito complessivo, a invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo dei rappresentanti (un avvocato, un commercialista, ecc.) per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento. Questa norma, per la Ctr, è espressione di quell’obbligo generalizzato del contraddittorio endoprocedimentale, che la pubblica amministrazione è obbligata ad attivare ogni qualvolta si proponga di adottare nei confronti di un soggetto un atto lesivo e che rende nullo l’atto conseguente al procedimento, in cui non sia stato attivato un tale contraddittorio.


note

[1] CTR Lombardia, sent. n. 3417/67/2015 del 20.07.2015.

[2] Art. 38, comma 7, del Dpr 600/73.

[3] Cass. S.U. sent. n. 19667/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube