L’esperto | Articoli

Omesso versamento di imposte o acconti: le sanzioni

12 Agosto 2015 | Autore:
Omesso versamento di imposte o acconti: le sanzioni

Iscrizione a ruolo: in caso di mancato, ritardato o insufficiente pagamento delle tasse e dei relativi acconti scatta la sanzione pecuniaria del 30% delle somme non versate in ritardo.

Per le violazioni consistenti nell’omesso, ritardato o insufficiente versamento delle imposte e dei relativi acconti è prevista l’applicazione della sanzione pecuniaria del 30% delle somme non versate in ritardo (art. 13 D.Lgs. 471/97).

La sanzione è applicabile in qualsiasi ipotesi di mancato pagamento, nel termine previsto, di un tributo o di una sua frazione. Da notare che, in quanto non applicabile la disciplina del concorso di violazioni ex art. 12, co. 1, del D.Lgs. 472/97 — essendo l’istituto riferito alle sole violazioni formali — la sanzione del 30% è dovuta su ogni importo non versato alle prescritte scadenze (così la circolare n. 23/E del Ministero delle finanze del 25-1-1999).

Non è considerato omesso o ritardato il versamento tempestivamente eseguito ad ufficio o agente della riscossione diverso da quello competente; pertanto, la sanzione del 30% non si applica. La disposizione è valida per tutti i versamenti diretti (art. 13, co. 3, D.Lgs. 471/97).

Il citato art. 13 esclude, inoltre, dall’ambito applicativo della sanzione, le ipotesi in cui sia prevista la riscossione dell’imposta mediante ruolo (IRPEF relativa a redditi soggetti a tassazione separata, tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani etc.).

Circa il loro meccanismo applicativo, ai sensi dell’art. 17, co. 3, del D.Lgs. 472/97, le sanzioni per omesso, insufficiente o ritardato versamento, sono irrogabili attraverso iscrizione a ruolo e senza che vi sia stata contestazione. Tuttavia, il procedimento d’irrogazione immediata non assume carattere di generalità in quanto nei casi di dolo o colpa grave, dove risulta «indispensabile la specifica motivazione in ordine all’elemento soggettivo», l’Ufficio o l’ente competenti all’accertamento del tributo devono ricorrere alla procedura ordinaria.

Va aggiunto che, a prescindere dal procedimento d’irrogazione adottato, relativamente alle sanzioni inflitte in seguito ad omesso o ritardato pagamento dei tributi non è prevista alcuna forma di definizione agevolata.

Per le dichiarazioni presentate a partire dal 1° gennaio 1999 l’ammontare della sanzione dovuta è ridotto (artt. 2 e 3 D.Lgs. 462/97):

ad 1/3, cioè al 10%, nel caso di pagamento delle somme dovute entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’esito della liquidazione automatica di imposte, contributi premi e rimborsi dovuti in base alle dichiarazioni o dalla comunicazione definitiva contenente la rideterminazione in sede di autotutela delle somme dovute, a seguito dei chiarimenti forniti dal contribuente o dal sostituto d’imposta. In tale ipotesi, inoltre, con riferimento alle dichiarazioni presentate dal 1° gennaio 1999, gli interessi sono dovuti fino all’ultimo giorno del mese antecedente a quello dell’elaborazione della comunicazione;

ai 2/3, vale a dire al 20%, nei casi in cui le somme dovute siano pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’esito del controllo formale della dichiarazione effettuato ai sensi dell’art. 36ter del D.P.R. 600/73. In tale ipotesi, tuttavia, gli interessi sono dovuti fino all’ultimo giorno del mese antecedente a quello dell’elaborazione della comunicazione.

Il contribuente è legittimato a sanare le violazioni e a regolarizzare, così, la propria posizione, eseguendo spontaneamente, entro i termini stabiliti, il pagamento: dell’imposta dovuta (a saldo o in acconto), dei relativi interessi (calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera), della sanzione in misura ridotta. La procedura, che prende il nome di ravvedimento, è disciplinata dall’art. 13 del D.Lgs. 472/97 (v. amplius titolo II, cap. XII, par. 8 di questa stessa parte).

Garanzie e privilegi del fisco

In molti casi il contribuente non assolve con immediatezza al pagamento delle somme dovute all’erario, sia per personale inadempienza, sia per effetto di dilazioni o rateizzazioni accordate dagli Uffici, sia a causa di particolari modalità di pagamento previste dal legislatore. In tutti questi casi sono previsti in via normativa dei correttivi volti a curare gli interessi erariali e a far sì che il diritto di credito dell’ente impositore possa essere soddisfatto. In tal senso:

— a volte la legge moltiplica i soggetti tenuti al pagamento del tributo in modo da disporre di una pluralità di patrimoni da escutere in caso di necessità (solidarietà, sostituzione, responsabilità);

— altre volte la norma può chiedere al contribuente di produrre delle garanzie, che possono consistere in una fidejussione o in un deposito cauzionale o perfino in un’ipoteca sugli immobili: tali garanzie sono previste soprattutto quando il contribuente chiede ingenti rimborsi d’imposta;

— altre volte ancora il diritto di credito dell’ente è privilegiato, nel senso che la legge d’imposta costituisce causa legittima di prelazione che esclude l’eguaglianza nel concorso dei diritti dei creditori a soddisfarsi sui beni del debitore.

Il privilegio si concreta al momento della realizzazione coattiva del credito, come diritto di essere pagati sul ricavato a preferenza degli altri creditori, in considerazione della particolare causa del credito.

Sia il codice civile sia le singole norme tributarie stabiliscono limiti e natura del privilegio. In particolare:

— il privilegio generale è efficace solo contro il debitore e non può ledere i terzi che hanno diritto sui mobili oggetto del privilegio;

— il privilegio speciale gode di un diritto di seguito, prevale cioè sui diritti dei terzi che hanno acquistato il bene dopo la costituzione di detto privilegio.

In materia tributaria i principi che si applicano ai privilegi tengono conto della natura del tributo: in particolare i tributi che si riferiscono a beni determinati godono di privilegio speciale, gli altri tributi (IVA e IRPEF, tranne che sui redditi fondiari) godono di privilegio generale. Privilegio speciale hanno anche le altre imposte indirette.

il nuovo condominio


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube