Diritto e Fisco | Articoli

L’email con il rimborso fiscale in arrivo

14 Agosto 2015
L’email con il rimborso fiscale in arrivo

Non è l’Agenzia delle Entrate ma un tentativo di frode informatica: phishing ai danni dei computer del contribuente che hanno aperto l’allegato o cliccato sul link contenuto nel messaggio di posta elettronica.

Niente più che un virus: è questo il vero contenuto delle numerose e-mail ricevute, nelle scorse ore, dagli italiani, che apparentemente promettono rimborsi fiscali per l’anno 2014-2015. È intervenuta la stessa Agenzia delle entrate a comunicarlo a beneficio dei più ingenui che, complice l’atmosfera vacanziera e la leggerezza con cui, in mobilità, si apre la posta elettronica e si naviga sul web, sono caduti nella trappola di un banale phishing. In pratica, si tratta della classica truffa informatica: l’email ha per oggetto “Rimborso fiscale per 2014-2015”, utilizzando il logo dell’Agenzia delle Entrate ed invitando il contribuente a cliccare sul link “Accedi al tuo rimborso fiscale”. L’utente viene trasferito su una pagina web dove gli viene chiesto di inserire alcune informazioni personali, tra cui, guarda caso, i dati della carta di credito.

Neanche a dirlo, l’utente non riceve alcunché se non la criptazione dei dati riservati.

Viene quindi raccomandato a chi dovesse ricevere tali messaggi, di non dare seguito al loro contenuto: l’Agenzia non richiede informazioni sulle carte di credito e non invia comunicazioni via e-mail relative ai rimborsi.

Sono numerose centinaia di migliaia gli italiani che, negli scorsi anni, sono caduti nella rete del crimine informatico: tipico è il caso dell’insediamento di un virus di tipo trojan che viene innescato all’apertura di un allegato malevolo; il computer viene intercettato e il criminale riesce a leggere i tasti digitati dall’utente, comprensivi di credenziali di accesso alla banca o dati delle carte di credito.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube