Diritto e Fisco | Articoli

Spiaggia, lecito sdraiarsi sull’asciugamano senza affittare lettini

14 Agosto 2015
Spiaggia, lecito sdraiarsi sull’asciugamano senza affittare lettini

Lettini, sdraio e ombrelloni non sono un dovere: si può entrare negli stabilimenti balneari anche senza pagare il biglietto se si vuole raggiungere il mare.

Spiagge, ribadiamo ancora una volta i diritti dei bagnanti: contrariamente a quanto si pensa, chi accede a un lido privato, non è affatto obbligato ad affittare sdraio, lettini, ombrelloni o l’uso di cabine: infatti, una volta pagato il biglietto di ingresso, ci si può liberamente sdraiare sul proprio asciugamano sulla spiaggia, senza dover chiedere autorizzazioni.

Non solo: si può anche evitare di pagare il biglietto di ingresso se lo scopo del villeggiante è quello di raggiungere il mare ed, eventualmente, le spiagge vicine libere. Quindi, nessuna vergogna nell’entrare in uno stabilimento senza passare dalla cassa: l’ingresso è libero e va garantito a tutti. In questo caso, però, a differenza del precedente, non si può sostare sulla spiaggia in concessione, né sulla battigia, tantomeno ci si può stendere in riva al mare con il lettino o con l’asciugamano. La battigia va infatti lasciata libera costantemente da persone o cose.

Se non espressamente previsto dal regolamento del lido, è vietato l’accesso e la sosta agli animali.

Giocare col pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnanti, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo, è severamente vietato.

Cosa vuol dire “demaniale”?

Quando si dice che le spiagge sono beni demaniali, significa che si tratta di beni di proprietà dello Stato, e quindi di tutti gli italiani. Il gestore del lido, quindi, non ne diventa proprietario ma ne ottiene solo la gestione (come l’Anas per le autostrade), a tal fine potendo chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube