Diritto e Fisco | Articoli

Parenti e affini: qual è la differenza e quali sono i gradi?

17 Agosto 2015
Parenti e affini: qual è la differenza e quali sono i gradi?

Diritto di famiglia: parentela, affinità, ascendenti, discendenti e parentela in linea collaterale, definizioni, differenze, esempi.

Parentela e affinità: due parole che ricorrono spesso quando la legge disciplina la famiglia. Ma qual è l’effettiva differenza? Per esempio, è corretto dire che, se mi sposo, i parenti del mio coniuge diventano anche miei parenti a tutti gli effetti?

Il codice civile opera una distinzione fondamentale tra parentela e affinità.

Affinità è chiamato il vincolo che unisce un coniuge ai parenti dell’altro coniuge: così, per esempio, se Tizio si sposa con Caia, la madre e la sorella di Caia diventano affini di Tizio; dall’altro lato, i cugini e gli zii di Tizio diventano affini di Caia. Insomma, è possibile dire che il rapporto di affinità lega il marito ai parenti della moglie e la moglie ai parenti del marito.

Parentela, invece, è il vincolo che lega le persone che discendono dallo stesso stipite, cioè da una medesima persona (detta anche capostipite). È quello che, in gergo popolare, viene detto “consanguineo”.

Quando poi si parla di parentela bisogna distingue tra:

1- parentela in linea retta che scatta quando più persone discendono l’una dall’altra: così, il padre, il figlio, il nipote, ecc.

In tal caso, sono ascendenti di un soggetto le persone a lui nate prima (così i nostri genitori, i nostri nonni, ecc.); sono invece discendenti le persone nate dopo (i nostri figli, i nostri nipoti, ecc.).

2- parentela in linea collaterale che scatta quando le persone hanno uno stipite comune ma non discendono le une dalle altre. Sono tra loco collaterali i fratelli, i cugini, gli zii e i nipoti.

COME SI CALCOLANO I GRADI DI PARENTELA E DI AFFINITÀ?

I gradi si calcolano sul numero delle generazioni. Il sistema è estremamente facile e non c’è bisogno di calcolatrici. Tutto ciò che bisogna fare è tenere conto di queste semplici regole:

PARENTI IN LINEA RETTA

per i parenti in linea retta si contano tanti gradi quante sono le generazioni, escludendo lo stipite. Padre e figlio sono parenti di primo grado perché c’è un solo passaggio. Nonno e nipote sono parenti di secondo grado perché si contano due passaggi. Per comprendere meglio questo concetto si consideri lo schema qui sotto.

GRADI PARENTELA

A ha come figli B e C. Il rapporto di parentela tra questi soggetti è di primo grado perché si passa da A a B, o da A a C, o viceversa, facendo un solo passaggio. Ed infatti, per esempio:

– da B (figlio) ad A (capostipite) = primo e unico passaggio.

B ha come figli D ed E che, pertanto, sono nipoti di A. Il rapporto di parentela tra A e i nipoti è di secondo grado perché

– da D (nipote) a B (genitore) = primo passaggio da calcolare;

– da B (genitore) ad A (capostipite) = secondo passaggio da calcolare.

COLLATERALI

per i collaterali si contano le generazioni salendo fino allo stipite (che viene escluso dal calcolo) e ridiscendendo fino al parente che si vuole considerare. Pertanto sono parenti di secondo grado i fratelli (i passaggi da considerare sono: dal figlio al genitore e dal genitore all’altro figlio); di terzo grado gli zii e i nipoti (i passaggi da considerare sono: dal nipote al genitore, dal genitore al nonno, dal nonno al fratello del genitore e da quest’ultimo al cugino); di quarto o sesto grado i cugini e così via.

Ritorniamo all’esempio grafico di prima.

F è il nipote di B. La parentela è di terzo grado perché:

da F (nipote) a C (genitore) = primo passaggio

da C (genitore) ad A (capostipite) = secondo passaggio

da A (capostipite) a B (zio) = terzo passaggio

F ed E sono cugini, quindi parenti di quarto grado. Infatti:

da F (cugino) a C (genitore) = primo passaggio

da C (genitore) ad A (capostipite) = secondo passaggio

da A (capostipite) a B (zio) = terzo passaggio

da B (zio di F/genitore di E) a E (cugino) = quarto passaggio

AFFINI

per gli affini le linee e i gradi si calcolano come per la parentela. Per esempio, una persona è affine in linea retta di primo grado con i propri suoceri, mentre è affine in linea collaterale di secondo grado con i cognati.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. vorrei sapere se io sono un affine di 1° grado ho lo stesso diritto del parente 1° grado (in caso di rinuncia)

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube