HOME Articoli

Lo sai che? Bando case popolari: come ottenere l’alloggio

Lo sai che? Pubblicato il 24 agosto 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 agosto 2015

Come fare domanda per la casa popolare, e quali sono i requisiti per averla?

La casa popolare è un alloggio, di proprietà del Comune, che viene assegnato a soggetti o famiglie in situazione di difficoltà, economiche e personali: l’assegnazione è effettuata, dal Comune stesso, con un bando pubblico, al termine del quale viene stilata una graduatoria. Le persone o i nuclei familiari che avranno ottenuto un maggior punteggio avranno diritto alla casa, dietro pagamento di un canone agevolato periodico.

 

Chi ha diritto alla casa popolare?

Le categorie aventi diritto agli alloggi popolari sono numerose, anche se i requisiti specifici possono variare a seconda del bando (che, a sua volta, basa i suoi parametri sulla legge regionale).

I requisiti comuni a tutti sono:

– cittadinanza italiana, comunitaria o di un Paese Terzo ( con regolare permesso di soggiorno da almeno 2 anni);

– reddito del nucleo familiare inferiore a circa 25.000 Euro ( ma possono essere stabiliti limiti inferiori, all’interno dei bandi, secondo quanto previsto dalle leggi regionali);

– residenza o attività lavorativa stabile nel Comune per il quale si effettua la richiesta.

 

Chi ha la precedenza nell’assegnazione della casa popolare?

Vi sono determinate situazioni che danno generalmente diritto ad un maggior punteggio nelle graduatorie; eccole in ordine d’importanza:

– persone che risiedono, da un minimo di sei mesi (alla data della domanda), in ricoveri provvisori, come dormitori pubblici e centri di raccolta;

– vedovi, separati, divorziati o madri nubili con figli minori a carico , che risultino assistiti dai Servizi Sociali del comune da almeno sei mesi;

invalidi con diminuzione permanente della capacità lavorativa superiore al 66%, ed assistiti da almeno sei mesi dai Servizi Sociali comunali;

– nuclei familiari, con figli minori a carico, o con reddito inferiore a 3.651 Euro annui, in difficoltà alloggiative ed assistiti dai Servizi Sociali;

– famiglie con uno o più membri aventi riduzione della capacità lavorativa superiore al 66%, o con minori invalidi [1] bisognosi di assistenza continua o non in grado di deambulare autonomamente;

– nuclei familiari composti da membri over 65, o da soggetti affetti da totale inabilità al lavoro, o con oltre tre figli, dei quali almeno uno a carico;

– famiglie formatesi da non oltre 3 anni, con componenti under 35;

– soggetti soli con almeno un figlio a carico;

– famiglie che abitano, da almeno un anno, in condizioni di sovraffollamento, o coabitino con uno o più altri nuclei familiari;

– famiglie che risiedono in unità immobiliari prive di servizi igienici;

– famiglie che si trovano senza alloggio per sfratto o per termine dell’impiego che dava diritto ad un alloggio di servizio;

– famiglie che pagano un affitto che incide per oltre un terzo del reddito;

– soggetti aventi un reddito annuo non superiore alla pensione minima Inps;

– nuclei familiari con una sola persona maggiorenne, famiglie che abitano in alloggi inadeguati, secondo la normativa vigente;

– soggetti che pagano un affitto che incide per oltre un sesto del reddito;

– soggetti il cui reddito deriva quasi totalmente (90%) da lavoro dipendente o pensione.

 

Come si fa domanda per la casa popolare?

Per partecipare al bando e rientrare nelle graduatorie per l’assegnazione degli alloggi popolari, è necessario compilare un apposito modulo, scaricabile anche dal sito internet comunale, allegando la documentazione richiesta, e consegnare il tutto direttamente presso il comune stesso (solitamente all’Ufficio Protocollo o Patrimonio), oppure inviare i documenti tramite raccomandata.

Le domande possono essere consegnate in qualsiasi momento, ma, per entrare nelle graduatorie, si dovrà attendere la pubblicazione di un nuovo bando. Solitamente, i bandi per l’assegnazione di case popolari vengono pubblicati ogni 4 anni.

note

[1] L. 289/90.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

10 Commenti

  1. Salve ho 39 anni sono single ho bisogno di uns casa sono appoggiata un po da mia sorella in po da mio fratello mia nipote vuole che me ne vado ds dovr sto adesso sto soffrendo molto io non ho mai chiesto aiuto a nessuno ma ora ho bi sogno di un tetto fove nessuno mi caccia è ti dice che sei un peso o che do fastidio che sto appoggiata li sto male non ho genitori vivo una vita che non è la mia sono sempre triste sto andando in depressione perché io ho sempre aiutato tutti ora che per sfortuna ho bisogno io mi voltano le spalle aiutatemi vi prego voglio vivere serenamente ho sofferto gia troppo nella vita non ho avuto un infanzia felice almeno ora un po fi felicità lo merito anch’io voglio solo un tetto per dormire è non sentirsi più dire quando te ne vai io non ho reddito sono disoccupata se trovo un lavoretto io lo vado a fare onestamente però

    1. Ciao Amalia sono un avvocato vorrei dirti, intanto, non demoralizzarti perchè Dio non ti abbandonerà mai, devi seguire solamente le indicazioni che ti darò. Presenta un’istanza per l’assegnazione di un alloggio popolare al comune tuo di residenza, nella richiesta allega doc. per dimostrare che non produci reddito ed inoltre fai presente che non avendo genitori non hai la possibilità di avere un sostegno concreto.Naturalmente per poter essere assegnatari di un alloggio popolare bisogna partecipare ad un bando di concorso indetto dal proprio Comune di residenza, è chiaro che tu puoi lo stesso inoltrare la richiesta per almeno essere inserita nella graduatoria. Per il resto chiedi ai tuoi fratelli e nipote di essere pazienti a ospitarti sin tantochè saprai di avere una
      casa tua. Cmq Gesù Cristo insegna ad essere caritatevoli per i bisogni degli altri perchè è anche in questo modo che si ama Dio.CHE DIO TI BENEDICA AMALIA, PREGA E SII FIDUCIA IN COLUI CHE TI AMA E PROTEGGE

      1. sei un grande anonimo…..che Dio ti benedica…mentre leggevo la lettera di Amalia mi immedesimavo perche la sua storia e’ la mia….e tu le hai risposto con tanto amore dandogli speranza..grazie.

  2. Salve ho 36anni ho tre figli minori e io e mio marito siamo disoccupati da anni con reddito 0 ,abbiamo alla spalla uno sfratto e dove vivo ora sono indietro di cinque mesi di affitto siamo pieni di debiti anche x mangiare .Ho nn capisco una cosa perche danno le casa popolari a persone che neanche ci abitano vengono 10giorni all anno , quando ci sono famiglie che hanno davvero bisogno di queste casa nel mio paese ci sono quattro o cinque casa popolari vuote che vengono solo x estate e noi dobbiamo abitare x strada se ci arriva losfratto nn è giusto .nessuno ci può aiutare

  3. Salve io sono una ragazza tunisina vivo con mio marito che arrivato da poco tempo e no parla italiano ero lavoravo ma ora sono disoccupata reddito 500 euro al mese sono in dietro 3 mese di affitto sono in difficoltà per pagare l bolletti e di l affitto in due persone come facciamo vivre con 500 euro ….io chiedo il favore di vuoi di avere una casa popolare..grz

  4. Salve mi chiamo Angelo sono Italiano sono invalido 100% con accompagno 24 su 24 ho 57 anni divorziato da 7 anni e con due sfratti,con la mia pensione non riesco ad andare avanti per pagare 300 €di affitto e per poi pagare chi mi accudisce ,devo pagare anche una quota per le medicine che servono per la mia terapia ,poi pagare i soliti bollettini luce, gas,immondizia e poi devo dare un contributo a chi mi accompagna 2 o 3 volte a settimana per riabilitazioni in un centro riabilitazioni.Grazie

  5. buongiorno tutti voi io sono in una situazione dificile sono invalida 80 x cento prendo una picola pensione non mi copre un affito il mio compagnio non lavora non posso andare avivere x strada 57 anni o chiesto aiuto servizi sociali non ce nulla x me quindi cosa posso fare grazie

  6. Salve ho 4 figli minori il più grande di sei anni vivo in una casa dove non esiste riscaldamento non ho un lavoro stabile dove riesco giusto giusto a mangiare qui nel mio paese ce una casa popolare vuota ma il sindaco non ne vuole sapere in più la casa dove vivo e un bene confiscati alla mafia e devo lasciarla entro fine mese come faccio x avere quel alloggio ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI