Diritto e Fisco | Articoli

Guida e stupefacenti: analisi delle urine con visita medica

25 Agosto 2015
Guida e stupefacenti: analisi delle urine con visita medica

Guida in stato di alterazione psico-fisica: senza visita medica non si può condannare il conducente positivo alla cocaina nell’analisi delle urine.

Perché scatti il reato di guida in stato di alterazione psico-fisica non basta il risultato positivo dell’analisi delle urine, ma è necessario che l’imputato sia sottoposto a una visita medica di supporto che accerti che il conducente abbia effettivamente guidato sotto l’effetto di stupefacenti.

È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

Impossibile basare la responsabilità penale del conducente solo sulla base dei risultati dell’analisi tossicologica delle urine, senza ricorrere ad alcuna visita medica.

La condotta tipica della contravvenzione in commento prevista dal codice della strada [2] è quella di colui che guida in stato di alterazione psico-fisica determinato dall’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, e non semplicemente quella di chi guida previa assunzione di tali sostanze. Quindi, perché il conducente sia penalmente responsabile, è necessario provare non solo l’assunzione di sostanze stupefacenti, ma anche che abbia materialmente guidato in stato di alterazione causato da tale assunzione.

Se – si legge in sentenza – oltre all’accertamento tossicologico non vi sono prove che consentano di ritenere che il conducente abbia guidato sotto effetti di stupefacenti (come le condizioni fisiche denuncianti la palese alterazione con sintomi tipici di assunzione di stupefacenti in atto né, tanto meno, una visita medica a supporto) la condanna va annullata.


note

[1] Cass. sent. n. 35334/15 del 24.08.2015.

[2] Ex Art. 187, co. 1 e 2, cod. str..

MASSIMA

Non è sufficiente, ai fini dell’affermazione della penale responsabilità per guida in stato di alterazione psico-fisica, l’esito positivo dell’analisi chimica delle urine se non accompagnata da alcuna visita medica. La condotta tipica della contravvenzione ex art. 187, commi primo e secondo C.S., è quella di colui che guida in stato di alterazione psico- fisica determinato dall’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, e non semplicemente quella di chi guida previa assunzione di tali sostanze sicché, ai fini del giudizio di responsabilità, è necessario provare non solo la precedente assunzione di sostanze stupefacenti ma che l’agente abbia guidato in stato d’alterazione causato da tale assunzione.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube