Breaking News Cartelle Equitalia: no anatocismo, notifica via PEC. Le novità

Breaking News Pubblicato il 4 settembre 2015

Articolo di




> Breaking News Pubblicato il 4 settembre 2015

Decreti attuativi della delega fiscale: gli interessi di mora si applicano solo sulla tassa, l’aggio scende al 6%, nuove notifiche per PEC, maggiore indulgenza verso i ritardi nel pagamento in caso di rateazione.

Non ci sarà più l’anatocismo sulle cartelle di Equitalia che, peraltro, potranno essere notificate anche tramite posta elettronica certificata alle persone fisiche che ne faranno richiesta. Sono queste le novità dell’ultimo minuto sui decreti attuativi della delega fiscale che oggi dovrebbero ottenere l’ok definitivo del Consiglio dei ministri e tornare in Parlamento per l’ultimo giro di pareri da approvare entro il 25 settembre.

La questione dell’anatocismo sulle cartelle era rimbalzata come un fulmine a ciel sereno, quando, quest’estate, fu annunciata dall’esecutivo (leggi “Reintrodotto l’anatocismo per Equitalia”). E ciò non solo perché la previsione si sarebbe inserita in un periodo “incandescente” per i contribuenti italiani – già in affanno nel pagamento del capitale – ma soprattutto perché in contraddizione con altre due mosse del Governo: da un lato quella di ridurre l’aggio sulle cartelle medesime e, dall’altro, la scelta diametralmente inversa nei confronti delle banche (per le quali l’anatocismo è diventato fuorilegge dal 1° gennaio 2014).

Il dietrofront, allora, fa guadagnare tanto in immagine agli autori del provvedimento, tanto in coerenza al nuovo decreto legislativo che, a giorni, insieme a numerose altre modifiche (leggi: “Cartelle, fermo e ipoteca Equitalia: la mediazione diventa obbligatoria”) dovrebbe essere approvato in via definitiva.

Viene allora soppressa definitivamente la previsione secondo cui gli interessi di mora si producono anche sulle sanzioni pecuniarie tributarie e sugli interessi. Una mossa che, specie nei casi di rateazione del debito con Equitalia, avrebbe fatto lievitare il conto in modo considerevole.

Resta invece in vita l’attuale normativa secondo cui, dopo 60 giorni dalla notifica della cartella, in caso di mancato pagamento, scattano gli interessi di mora sulle somme iscritte a ruolo applicati solo alla tassa non pagata (e non anche alle sanzioni pecuniarie e agli interessi). Interessi moratori che ammontano attualmente al 4,88%.

È confermata la riduzione dell’aggio (il compenso dovuto a Equitalia per la sua attività di riscossione e che incamera essa stessa sommandolo automaticamente agli importi nella cartella) che, dall’8%, dovrebbe passare al 6%. Sempre in un’ottica di restyling, non si chiamerà più aggio bensì “oneri di funzionamento del servizio nazionale di riscossione”.

Per compensare la perdita di entrate di Equitalia, l’Agenzia delle Entrate (sua controllante al 51%) le dovrà erogare per il triennio 2016-2018 “un contributo non superiore a 40 milioni di euro per il 2016, 45 milioni per il 2017, e 40 milioni per il 2018 (l’importo complessivo potrebbe arrivare quindi a 125 milioni)”.

Cartelle notificate tramite PEC

Altra novità riguarda le procedure di notifica che si potranno avvalere della posta elettronica certificata anche per le persone fisiche (attualmente, la PEC viene utilizzata solo nei confronti di professionisti iscritti in albi o elenchi, imprenditori individuali e società). In sostanza, la notifica della cartella può essere eseguita con posta elettronica certificata (Pec), all’indirizzo risultante dagli elenchi anche ai contribuenti persone fisiche che ne faranno richiesta.

La PEC diventa invece la regola (e non l’eccezione, come attualmente è) per le notifiche rivolte a imprese individuali o costituite in forma societarie ma anche per i professionisti iscritti in albi o elenchi.

Rateazione

Verrà inoltre chiuso un occhio nei confronti dei contribuenti che, avendo in corso una rateazione, ritardino il pagamento della singola rata: infatti un ritardo di solo sette giorni nel pagamento della rata di una cartella fiscale non comporterà la decadenza dalla rateizzazione.

In particolare, viene ampliato il periodo di tolleranza del ritardo nel pagamento della prima rata ai fini della sussistenza del lieve inadempimento. Quest’ultimo si verifica con riguardo alle dilazioni degli avvisi bonari e degli atti di accertamento, qualora si ometta il pagamento di una rata successiva alla prima per un importo non superiore al 3% della rata e comunque a 10mila euro. Se si tratta della prima rata, non si decade dalla dilazione qualora il pagamento intervenga con un ritardo non superiore a 7 giorni.

Dall’altro lato, sempre in tema di rateazione – ma questa volta nei confronti di Equitalia – la riforma consente inoltre di rimettere in termini i debitori decaduti, in precedenza, dai piani di dilazione per i debiti nei confronti di Equitalia. A tale scopo occorre pagare per intero l’importo delle rate scadute. In tal caso, però, il mancato pagamento di due rate anche non consecutive comporta la decadenza dalla nuova rateazione.

Tale facoltà è estesa alle rateazioni scadute nei 24 mesi precedenti l’entrata in vigore del decreto.

Altre modifiche

Il pagamento della dilazione dell’agente della riscossione può inoltre avvenire anche con domiciliazione bancaria.

Per richiedere la procedura “cartelle pazze[1], ossia la sospensione automatica della riscossione in presenza di un grave e palese vizio della cartella, la domanda non andrà più fatta entro 90 giorni dalla notifica della cartella, ma entro 60.

note

[1] Ai sensi dell’art. 1, commi 537 e seguenti, legge n. 228/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. A MIO MODESTO AVVISO,PRIMA DI INIZIARE PROCEDURE DI PAGAMENTI,L’IDEALE E’ ESPLETARE”CONCISE,SERIE,ONESTE,E’ DETTAGLIATE INDAGINI”,IN MODO DA ACCLARARE IL VERO SACRO SANTO MOTIVO PERCHE’ “ALCUNI” ESSERI UMANI NON PAGANO DETERMINATI PAGAMENTI;(POICHE’ NON TUTTI SONO COSI’ DISONESTI CHE FALSIFICANO,IMBROGLIANO,E’ VIA DICENDO PER NON PAGARE QUANTO PER VIA DELLA SEMPLICISSIMA “LOGICA” DOVUTO),DIFATTI,SONO RELAMENTE ESISTENTI, SVARIATE CARTELLE DI PAGAMENTO DALL’EQUITALIA EMESSE NON CONSONE ALLA REALTA’; POICHE,INFATTI,PER ALCUNI LAVORATORI NEGLIGENTI,PER TROPPA IGNORANZA,PER INGORDIGIA DI DANARO SPORCO,INCOMPETENTI IN MATERIA RELATIVE A’ SVARIATE DIRAMAZIONI,CATEGORIE,ECC.,ECC., TRAMITE SVARIATI DOCUMENTI “FALSIFICATI DA ESSERI COMPIACENTI IN SVARIATI MODI”,SEGNALANO SVARIATE INGIUSTZIE.

    SVARIATE TANGIBILI PROVE PERSONALI.
    PER CUI,PER I MOTIVI PREDETTI;CONSIGLIO AL PERSONALE ADDETTO ALL’ORGANIZAZZIONE DELL’EQUITALIA, PRIMA DI EMETTERE CARTELLE DI PAGAMENTO,BISOGNA FARE DELLE DETTAGLIATE SERIE ED ONESTE INDAGINI,POICHE’ NON TUTTI SIAMO DEGLI ESSERI “DISONESTI” .

    PERTANTO,PRO’,PRO’,PRO’,PRO’,AL SERIO ED ONESTO PROSEGUO DELL’ATTIVITA’ INTRAPRESA,E’ COMPLIMENTI PER L’INIZIATIVA; INOLTRE E’ NON DA MENO,RINGRAZIO TANTO PER LA POSSIBIITA’ CHE CI DATE PER SEGNALARE ED ESPRIMERE LE NOSTRE IDEE POICHE’ SIAMO IN TANTI ESSERI UMANI E’ CIVILI “LESI” DAGLI ESSERI IGNOBILI,SENZA SCRUPOLI, CRUDELI, CATTIVI,TRUFFATORI,FALSIFICATORI,DISONESTI E’ VIA DICENDO; LO STESSO DICASI ANCHE A NOME DI CHI NON A VOCE,POICHE’ IO SONO LA LORO PORTAVOCE.

    INOLTRE AGGIUNGO;SVARIATI DI NOI,CITTADINI SERI ED ONESTI LAVORATORI,E’ POVERI PERCHE’ TALI; SIAMO RICORDATI E’ RINTRACCIATI “SOLO” QUANDO BRAMANO DI OTTENERE DANARO E’ “VOTI” ,MENTRE SUBITO DOPO SE LI SALUTI,TI CHIEDODO CHI SEI,E’ QUALIFICANDOCI,E’ PERPLESSI,DI RIMANDO CI RISPONDONO, “NON VI CONOSCIAMO”; PER CUI,DESIDERIMO ARDENTEMENTE SAPERE; SE NON CI PAGANO PER IL LAVORO CHE ESPLETIAMO COME POSSIAMO PAGARE I SVARIATI CAPRICCI DI QUALCHE AMMINISTRATORE INCAPACE ?????????

    E GIA’ COME POSSIAMO ASSOLVERE I CAPRICCI ALTRUI !!!!!!!!!!!

    IN TANTI ESIGIAMO SAPERLO DA CHI CI TRUFFA,FALSIFICA I NOSTRI DOCUMENTI ECC.,ECC.,PER INTASCARE LORO I NOSTRI SACRO SANTI DIRITTI E’ REGALARE ALLE LORO “COMPIACENTI , DISONESTE,AMICIZIE PARTICOLARI,E’ VIA DICENDO, POICHE’ TRATTASI DI PERSONE “SFORTUNATE” COME LORO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    PER CUI OCCORRE URGENTEMENTE UNA “NETTA” PULIZIA DI PERSONE DEL GENERE PER TRIONFARE LA SERIETA’ E’ L’ONESTA’ PER VIVERE TUTTI SERENI E’ TRANQUILLI NELL’UMANA CIVILTA’.

    CHIEDO SCUSA DEGLI EVENTUALI ERRORI GRAMMATICALI E ORTOGRAFICI POICHE O FREQUENTATO SOLO FINO ALLA IV E. PER CRUDELTA’ E’ IGNOBILTA’ DI TERZI.
    PRESIDENTE ASSOCIAZIONE A.N.I.O.P.A.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI