Diritto e Fisco | Articoli

Azione per usucapione: chi bisogna citare in causa?

9 settembre 2015


Azione per usucapione: chi bisogna citare in causa?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 settembre 2015



Legittimazione passiva per il riconoscimento del diritto di proprietà tramite usucapione dell’immobile: spetta solo all’ultimo proprietario o anche ai precedenti titolari?

Importante chiarimento della Cassazione che bacchetta quegli avvocati – e sono molti – che, per intraprendere una causa di usucapione, citano in giudizio tutti i soggetti che si sono avvicendati nella proprietà del bene oggetto di causa nell’arco dell’ultimo ventennio (termine cioè utile per maturare il diritto all’usucapione). Invece, la cosiddetta “legittimazione passiva” (termine usato dai giuristi per indicare quale soggetto debba ricevere la citazione) spetta unicamente all’ultimo proprietario.

Così, per esempio, se nell’arco dei 20 anni, l’immobile, prima intestato a Tizio, è stato da quest’ultimo venduto a Caio, che a sua volta l’ha ceduto a Sempronio, chi voglia chiedere l’usucapione del bene a proprio vantaggio dovrà notificare la citazione solo a Sempronio e non anche a Tizio e Caio. Se lo fa, potrà subire una condanna alle spese processuali, nei confronti di questi ultimi, per aver chiamato in giudizio dei soggetti completamente estranei alla lite. E ciò anche se poi il giudice, all’esito, gli riconoscerà il diritto di usucapione.

La Corte infatti ricorda che l’azione per l’accertamento dell’usucapione non va diretta nei confronti dei precedenti proprietari del bene, non aventi la qualità di “litisconsorti necessari” (cioè: parti necessarie in giudizio), ma unicamente nei confronti di chi risulta proprietario al momento della domanda.

Come difendersi

Se hai ricevuto una citazione per una causa di usucapione, ma al momento in cui l’ufficiale giudiziario (o il postino, per conto di quest’ultimo) ti ha notificato l’atto non sei più il proprietario, allora potrai costituirti in giudizio chiedendo immediatamente la cosiddetta estromissione dalla causa. Il giudice, cioè, dovrà, prima di proseguire il giudizio, dichiararti estraneo alla lite. In questo modo non sarai più considerato parte processuale e non dovrai partecipare alle udienze, né subirai gli effetti della sentenza. In ogni caso, ti deve essere riconosciuto il rimborso delle spese per l’avvocato, a cui ti sei dovuto rivolgere per difenderti da una domanda maldestramente indirizzata nei tuoi riguardi.

note

[1] Cass. sent. n. 17270/15 del 9.09.2015.

 

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI