Diritto e Fisco | Articoli

Automobile e moto: deduzioni e detrazioni fiscali dei costi

10 Settembre 2015
Automobile e moto: deduzioni e detrazioni fiscali dei costi

Lavoratori autonomi: il regime di deduzione per i mezzi di trasporto, importi, calcolo.

Il lavoratore autonomo può dedurre dalle tasse i costi relativi ai mezzi di trasporto, ossia autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli. Le regole, però, variano a seconda dell’uso che si fa del mezzo [1].

Le quote di ammortamento per l’acquisto dell’automobile o altro mezzo di trasporto e le conseguenti spese relative alla manutenzione ordinaria o straordinaria sono parzialmente deducibili per gli esercenti arti o professioni.

In ogni caso è possibile dedurre dalle tasse un solo veicolo, e per l’esercizio in forma associata, è possibile dedurre un veicolo per ogni socio o associato. Pertanto non è possibile detrarre i costi relativi sia ad un’autovettura che a un ciclomotore: il professionista dovrà accuratamente scegliere cosa gli convenga di più dichiarare come uso collegato alla professione.

In particolare, le quote di ammortamento per l’acquisto e i canoni di leasing o di noleggio sono soggette a due distinte limitazioni:

– la deducibilità è solo del 20 (per gli agenti di commercio la possibilità di dedurre i costi relativi ai propri veicoli è pari all’80%);

– l’ammontare massimo di costi di acquisizione cui applicare la percentuale suddetta. Ecco i massimali previsto dalla legge:

Autovetture

Per l’acquisto o il leasing, il limite è di 18.075,99 euro e, in caso di noleggio, è di 3.615,20 euro.

Motocicli

Per l’acquisto o il leasing, il limite è di 4.131,66 euro e, per il noleggio, di 774,69 euro.

Ciclomotori

Per l’acquisto o il leasing, il limite è di 2.065,83 euro mentre, per il caso di noleggio, è di 413,17.

Un esempio

Autovettura acquistata da un professionista nel 2014

Costo dell’autovettura: € 30.000

Spese di manutenzione: € 2.000

L’ammortamento massimo: 30.000 × 25% = € 7.500

Quote di ammortamento fiscalmente deducibile: 18.075,99 × 25% × 20% = € 904

Quota di spesa deducibile: 2.000 × 20% =  € 400

Importo totale deducibile: € 1.304.

IVA

L’Iva è detraibile al 40% per l’acquisto dei seguenti beni:

autovetture destinate al trasporto di persone capaci di contenere al massimo 9 posti compreso quello del conducente con motore di qualsiasi cilindrata;

autoveicoli per trasporto di persone e cose, di peso complessivo a pieno carico fino a 3.500 Kg, capaci di contenere al massimo 9 posti compreso quello del conducente con motore di qualsiasi cilindrata (non carrozzati a pianale, a cassone o a furgone);

autocarri;

motocicli non di lusso, cioè con motore di cilindrata non superiore ai 350 cc;

ciclomotori, cioè veicoli a due o tre ruote, con motore di cilindrata fino a 50 cc.

Carburante

Per l’acquisto del carburante (benzina, diesel, metano, Gpl, miscela di carburante e lubrificante) è possibile la detrazione dell’IVA nella misura del 40%. A tal fine è necessario farsi rilasciare la cosiddetta scheda carburante o, in alternativa, la fattura oppure effettuare il pagamento con carta elettronica (leggi: “Scheda carburante: come farne a meno e detrarre l’IVA”).


note

[1] Art. 164 DPR 917/1986. Laddove, però, è prevista forfetariamente una deducibilità limitata dei costi, si prescinde dalla prova della effettiva destinazione – ed in quale misura – del bene per finalità strettamente connesse con l’esercizio dell’attività commerciale o professionale. Quindi non è possibile per il contribuente dimostrare, nel caso specifico con istanza per la disapplicazione di norme antielusive, l’esclusiva destinazione del bene allo svolgimento dell’impresa o professione

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube