Diritto e Fisco | Articoli

Stranieri: ingresso in Italia per gravi motivi del figlio

12 settembre 2015


Stranieri: ingresso in Italia per gravi motivi del figlio

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 settembre 2015



Diritto all’unità familiare: in caso di gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico del minore che si trovi nel territorio italiano, è possibile per il familiare ottenere l’autorizzazione all’ingresso o alla permanenza in Italia.

 

La legge [1] consente, in situazioni di gravi motivi connessi allo sviluppo del minore residente sul nostro territorio, il diritto ai genitori di chiedere l’ingresso e/o la permanenza in Italia. Si deve comunque trattare di situazioni di non lunga o indeterminata durata e non caratterizzate dalla tendenziale stabilità. Si deve inoltre trattare di eventi traumatici e non prevedibili che trascendono il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare. Lo ha chiarito la Cassazione con una ordinanza di ieri [2].

Cosa si intende per “gravi motivi”?

Una interpretazione più datata, nell’intento di salvare il territorio da una immigrazione di massa, ha ritenuto che tale concetto cpmprenda solo situazioni di emergenza di natura eccezionale e contingente, situazioni, cioè, che non siano normali e stabilmente ricorrenti nella crescita del minore [3]. Successivamente le Sezioni Unite [4] si sono aperte a una interpretazione più lata, estendendo i gravi motivi allo sviluppo psico-fisico del minore, non limitati dai requisiti dell’eccezionalità e contingenza, ma strettamente connessi allo sviluppo del fanciullo in modo da prendere in considerazione il preminente interesse del minore stesso in relazione alle varie circostanze del caso concreto, quali l’età, le condizioni di salute (anche psichiche) nonché il pregiudizio che potrebbe a questi derivare dall’allontanamento dei familiari [4].

Le situazioni rilevanti devono essere comunque di non lunga o indeterminata durata e non caratterizzate dalla tendenziale stabilità e pur non prestandosi ad essere preventivamente catalogate e standardizzate, si devono comunque concretare in eventi traumatici e non prevedibili che trascendono il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare.

note

[1] Art. 31, comma 3, d.lgs. n. 286/1998.

[2] Cass. ord. n. 17942/15 del 10.09.2015.

[3] Cass. sent. n. 11624/2001, n. 3991/2002 e n. 17194/2003.

[4] Cass. S.U. sent. n. 22216/2006.

[5] Cass. sent. n. 22080/2009, n. 823/2010 e n. 21799/2010.

Autore immagine: 123rf com

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 16 giugno – 10 settembre 2015, n. 17942
Presidente Di Palma – Relatore Bernabai

Ritenuto in fatto

– che è stata depositata in cancelleria la seguente relazione, in applicazione dell’art. 380-bis cod. proc. civile:
“Con decreto del 20 febbraio 2014 il Tribunale per i Minorenni di Ancona rigettava l’istanza proposta dalla odierna ricorrente ai sensi dell’art. 31, comma 3, d.lgs. 286/1998 volta ad ottenere l’autorizzazione alla permanenza sul territorio nazionale per motivi attinenti alla minore età, allo sviluppo psicofisico e alle condizioni di salute del figlio A.S.. Avverso tale provvedimento la signora K. proponeva reclamo davanti la Corte d’Appello di Ancona, chiedendo la revoca del provvedimento impugnato ed il rilascio dell’autorizzazione di cui all’ari. 31, comma 3, d.lgs. 286/1998.
In data 9 luglio 2014 la Corte d’Appello pronunciava decreto di rigetto del reclamo.
Avverso la decisione la K. proponeva ricorso straordinario per Cassazione, articolato in 3 motivi. Il procuratore generale non svolgeva attività difensiva.
Così riassunti i fatti di causa, il ricorso sembra, prima facie, infondato.
Si osserva, in via preliminare, che la giurisprudenza di questa Corte ammette il ricorso ai sensi dell’ari. 111 della Costituzione avverso il decreto con il quale la Corte d’Appello, sezione minori, decide in ordine alla domanda di autorizzazione ex art. 31, comma 3, d.lgs. 286/1998, ad entrare o a permanere temporaneamente sul territorio nazionale proposta, in deroga alle disposizioni generali sull’immigrazione, dal cittadini extracomunitario per gravi motivi connessi con lo sviluppo psico-fisico di un familiare minorenne. Si tratta infatti di un provvedimento decisorio e definitivo (Cass. Civ. S. U. 16 ottobre 2006 n. 22216).
Il primo dei motivi di ricorso, con il quale la ricorrente denuncia una interpretazione restrittiva del concetto di gravi motivi di cui all’ari. 31, comma 3, d.lgs. 286/1998, appare infondato.
Ad avviso della ricorrente, il suo allontanamento improvviso dal figlio comporterebbe un pregiudizio tale da legittimare il rilascio dell’autorizzazione; qualora invece il minore seguisse la madre subirebbe comunque seri pregiudizi per lo sradicamento dal territorio italiano.
La giurisprudenza di questa Corte ha precisato che la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore non richiede necessariamente l’esistenza di situazioni di emergenza o di circostanze contingenti ed eccezionali strettamente collegate alla sua salute, potendo comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obiettivamente grave che, in considerazione dell’età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equilibrio psicofisico, deriva o deriverà certamente al minore a seguito dello sradicamento dall’ambiente in cui è cresciuto o dall’allontanamento del familiare. Deve trattarsi, tuttavia, di situazioni non di lunga o indeterminabile durata e non caratterizzate da tendenziale stabilità che si concretino in eventi traumatici e non prevedibili che trascendono il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare (Cass. Civ. S. U. 25 ottobre 2010 n. 21799). La situazione dedotta dalla ricorrente non appare idonea ad invocare l’eccezione di cui all’art. 31. In primo luogo, essa non è destinata a durare per un tempo determinato e temporaneo e ciò è incompatibile con la natura stessa dell’autorizzazione. In seconda battuta, il danno che deriverebbe dall’allontanamento della madre o dal rimpatrio anche del minore non sembra caratterizzato dai requisiti di effettività, concretezza e gravità richiesti dalla giurisprudenza.
Il secondo motivo sembra infondato.
Con esso la ricorrente denuncia la violazione del diritto all’unità familiare, sancito dagli artt. 28 d.lgs. 286/1998, 8 CEDU e 3, 7, 9,10 della Convenzione di New York, ratificata con l. 176/1991. In caso di mancato accoglimento dell’istanza, l’allontanamento della signora dal figlio provocherebbe una separazione della famiglia, conseguente ad una decisione del giudice italiano in violazione del diritto all’unità familiare.
Tale diritto non si configura nel nostro ordinamento come diritto assoluto, “atteso che il legislatore ordinario può legittimamente limitare tale diritto, per bilanciare l’interesse dello straniero al mantenimento del nucleo familiare con gli altri valori costituzionali sottesi dalle norme in tema di ingresso e soggiorno degli stranieri (cfr. Corte Cost., ord. n. 286 del 2001). In questo senso si è pronunciata anche questa Corte (Cass. Civ. Sez. 120 agosto 2003, n. 12226). II giudizio di bilanciamento, valutazione di merito non viziata da illogicità e che non può essere riesaminata in sede di legittimità, è stato compiuto dalla Corte d’Appello conformemente alle disposizioni di legge ed alla giurisprudenza da ultimo citata e non assegna prevalenza al diritto all’unità familiare, che non viene comunque leso, poiché, come ha osservato la Corte, il minore ha la possibilità di seguire il genitore ai sensi dell’ari. 19, comma 2, lettera a), d.lgs. 286/1998.
Con il terzo motivo di ricorso, la K. denuncia la violazione dell’art. 19 del d.lgs. 286/1998 in relazione agli artt. 9 e seguenti della Convenzione sui Diritti del Fanciullo, ratificata con l. 176/1991. Ad avviso della ricorrente, la Corte d’Appello, negando la concessione dell’autorizzazione a permanere in Italia, ha di fatto deliberato una “espulsione di fatto’; seppur indiretta, del minore.
Quest’ultima considerazione appare infondata dal momento che l’allontanamento e la separazione dalla madre non comportano alcuna espulsione indiretta del minore, eventualmente presso altri familiari regolarmente residenti nel territorio nazionale.”
– che la relazione è stata notificata ai difensori delle parti, che non hanno depositato memorie.

Considerato in diritto

– che il collegio, discussi gli atti, ha condiviso la soluzione prospettata nella relazione e gli argomenti che l’accompagnano;
– che il ricorso dev’essere dunque rigettato.

P.Q.M.

– Rigetta il ricorso.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI