Diritto e Fisco | Articoli

Guasto aereo: risarcimento non sempre assicurato

17 Settembre 2015
Guasto aereo: risarcimento non sempre assicurato

La compagnia aerea deve indennizzare il viaggiatore anche se il volo è stato cancellato per problemi tecnici imprevisti: escluso il risarcimento solo per vizi nascosti di fabbricazione dei velivoli sotto il profilo della sicurezza dei collegamenti.

Se il volo è stato cancellato, la compagnia aerea rimborsa i viaggiatori, e su questo non ci piove. Ma che succede se l’aereo non parte perché ha avuto un guasto tecnico improvviso? Potrebbe sembrare apparentemente scontato, anche in questo caso, l’indennizzo, ma non è sempre così. A chiarire come stanno le cose è una sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europa appena pubblicata [1].

Se la cancellazione del volo è dovuta a un guasto del velivolo, la compagnia aerea deve indennizzare il viaggiatore. E questo perché la società aerea è tenuta a effettuare la manutenzione periodica dei propri mezzi di trasporto. Per cui, se si scopre che un pezzo dell’areo è difettato o non funziona più, di questo non può certo risponderne il passeggero, ma la compagnia stessa che aveva l’obbligo di fare una periodica revisione.

L’evento, per quanto inaspettato, non è una circostanza eccezionale perché la compagnia nella sua attività deve sistematicamente far fronte a problemi tecnici imprevisti. La prevenzione di un guasto o la relativa riparazione, come la sostituzione del pezzo difettoso, non devono sfuggire al periodico controllo del vettore, al quale spetta garantire la manutenzione e il buon funzionamento degli aeromobili che gestisce per le sue attività economiche.

Viceversa, non scatta alcun risarcimento:

– in caso di atti di sabotaggio o terrorismo;

– quando i problemi tecnici sono dovuti a vizi nascosti di fabbricazione sotto il profilo della sicurezza dei collegamenti: si pensi al caso in cui il costruttore degli apparecchi o l’autorità competente in materia annuncia che i velivoli in servizio presentano un vizio occulto di fabbricazione che incide sulla sicurezza dei collegamenti.


note

[1] C. Giust. UE causa C-257/14 del 17.09.2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube