Diritto e Fisco | Articoli

Dichiarazione di successione: si può modificare se le tasse sono eccessive

17 Settembre 2015
Dichiarazione di successione: si può modificare se le tasse sono eccessive

Rettificabile la dichiarazione di successione sulla base di nuovi elementi se gli eredi si accorgono di pagare più tasse del dovuto: diversamente il prelievo sarebbe contrario al principio di capacità contributiva.

La dichiarazione di successione può essere rettificata dagli eredi anche dopo la sua presentazione. È quanto chiarito dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma con una recente sentenza [1].

Se, dopo aver depositato la dichiarazione di successione ti accorgi di aver commesso un errore che ha reso il conto eccessivamente salato, sei sempre in tempo a fare marcia indietro e modificare quanto in precedenza dichiarato.

Secondo infatti la sentenza in commento, la dichiarazione di successione è emendabile e ritrattabile, quando dalla stessa possa derivare l’assoggettamento del dichiarante ad oneri contributivi diversi e più gravosi di quelli che, sulla base della legge, devono restare a suo carico.

È la natura stessa della dichiarazione di successione a suggerire questa interpretazione: non un atto negoziale, ma una semplice esternazione di scienza e giudizio, modificabile in ragione dell’acquisizione di nuovi elementi di conoscenza e di valutazione sui dati riferiti.

La legge [2] non pone alcun limite temporale all’emendabilità della dichiarazione a seguito di errori commessi dal contribuente. Se così non fosse, del resto, si avrebbe un prelievo fiscale indebito e, pertanto, non compatibile con i principi costituzionali della capacità contributiva e dell’oggettiva correttezza dell’azione amministrativa.


note

[1] CTR Roma, sent. n. 3292/15.

[2] Art. 9, commi sette e otto, del Dpr 600/73.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube