Diritto e Fisco | Articoli

Permessi legge 104: chi decide i giorni? La programmazione

24 settembre 2015


Permessi legge 104: chi decide i giorni? La programmazione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 settembre 2015



Il datore può chiedere al lavoratore di programmare i 3 giorni di permesso mensile a determinate condizioni.

Chi fruisce dei permessi della cosiddetta “legge 104” ha diritto ai permessi retribuiti “orari” o “giornalieri”, permessi per i quali il datore di lavoro può richiedere una programmazione preventiva. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

Il lavoratore maggiorenne disabile, nell’ambito di ciascun mese, può usufruire alternativamente di permessi retribuiti:

orari (2 ore al giorno);

giornalieri (3 giorni nel mese, in maniera continuativa o frazionata).

Il tipo di permesso richiesto (giornaliero o orario) può essere cambiato dal lavoratore da un mese all’altro previa modifica della domanda precedentemente presentata.

La variazione può essere eccezionalmente consentita anche nell’ambito di ciascun mese, nel caso in cui sopraggiungano esigenze improvvise e non prevedibili all’atto della richiesta dei permessi, le quali devono essere opportunamente documentate dal lavoratore.

Possono altresì beneficiare di permessi retribuiti, i lavoratori dipendenti che siano:

genitori (naturali, adottivi ed affidatari) del disabile;

parenti ed affini entro il 2° grado del disabile (con dovute eccezioni [1]).

Il datore di lavoro deve verificare solo l’esistenza dei presupposti di legge per la concessione delle agevolazioni, non potendo per il resto più intervenire o sindacare la fruizione dei permessi stessi [2].

La programmazione dei permessi

Il datore di lavoro ha facoltà di richiedere al lavoratore una programmazione dei 3 giorni di permesso mensile, a condizione che [3]:

– il lavoratore che assiste il disabile sia in grado di individuare preventivamente le giornate di assenza;

– non venga compromesso il diritto del disabile ad avere una effettiva assistenza;

– tale programmazione segua criteri condivisi con i lavoratori e le loro rappresentanze.

Il lavoratore ha tuttavia la possibilità di modificare unilateralmente la giornata in precedenza programmata per la fruizione del permesso, spostandola ad altra data, fermo il principio che le esigenze di assistenza e di tutela del disabile devono prevalere sempre sulle esigenze organizzative imprenditoriali.

La domanda

Il soggetto interessato a ottenere i permessi deve presentare domanda all’INPS in modalità esclusivamente telematica allegando i documenti che provino la disabilità.

Il lavoratore deve comunicare tempestivamente, ed in ogni caso nel termine di 30 giorni, le eventuali variazioni delle notizie o delle situazioni inizialmente dichiarate.

note

[1] Entro il 3° grado se il genitore o il coniuge del disabile:

– hanno compiuto i 65 anni, oppure

– sono anch’essi affetti da patologie invalidanti a carattere permanente indicate con DI (art. 2, c. 1 lett. d), DI 21 luglio 2000 n. 278), oppure

– sono deceduti o mancanti per assenza naturale, giuridica (es. celibato) o per situazioni di assenza continuative, giuridicamente assimilabili alle precedenti e certificate dall’autorità giudiziaria o dalla pubblica autorità (Circ. INPS 3 dicembre 2010 n. 155).

E ciò anche se le condizioni indicate si riferiscono ad uno solo dei soggetti interessati.

Il parente o affine di 3° grado interessato deve inviare al centro medico legale INPS la documentazione sanitaria sullo stato di salute del coniuge o del genitore; inoltre deve autocertificare all’INPS la relazione di parentela con il disabile e la sussistenza dei requisiti per la fruizione dei permessi (Mess. INPS 25 gennaio 2011 n. 1740).

[2] Circ. INPS 29 aprile 2008 n. 53.

[3] Risp. Interpello Min. Lav. 27 gennaio 2012 n. 1.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. i parenti degli invalidi con legge 104 art 3 comma 1 possono usufruire dei 3 giorni di permesso ?

  2. buongiorno mi chiamo Gisella ticli ho un figlio disabile 100% usufruisco 3 giorni di permesso mensile, di mio figlio lavoro in Ospedale, la capo sala mi obliga a dare i 3 giorni permessi un mese prima ,io do una data e lei mi sposta le date che io ho dato a modo suo non mi da riposi xche dice che ho fatto la 104 e quindi quello era un riposo godutto accetto qualsiasi consiglio grazzie GISELLA

  3. ciao,anch’io ho un figlio disabile al 100% e faccio l’infermiera ma è la prima volta che sento una cosa così oscena,infatti la 104 è un tuo diritto e non centrano niente con i riposi,la tua caposala sta facendo un abuso,rivolgiti ad un sindacato,io mi prendo le 104 di mio figlio per tornare da lui dopo i riposi,infatti attacco sempre dopo lo smonto e il riposo un gg di 104,in questo modo scendo a casa 3 volte al mese,fatti valere,un abbraccio

  4. la legge 104 è un diritto sacrosanto del lavoratore e come dicevi tu giustamente mirella , non ha niente a che vedere con i riposi io la sto chiedendo per mio padre io vivo a genova lui a torino ma la legge è cambiata per fortuna, posso andare su basta solo presentare adeguata tesimonianza del mio viaggio ,la mia caposala non è restrittiva anzi la tua cara gisella è in pieno torto tutelati ne ABBIAMO TUTTO IL DIRITTO!!

  5. salve a tutti
    Lavoro a Roma trasporto Publico
    azienda chiede di fare la domanda 104
    il mese prima entro il 20 x il prossimo mese
    come se uno sa in anticipo i giorni che possono servire
    Buona Giornata

  6. sono un militare è usufruisco di 6 giorni di 104 perché ho due figli disabili. Negli ultimi mesi sto richiedendo al reparto dove lavoro di effettuare i riposi di sabato e domenica o solo la domenica , inguanto i miei due figli non vanno a scuola e mia moglie ha bisogno di AIUTO. Questo mi è stato negato perché prendendo questi riposi sistematicamente in quei giorni andrei a creare proplemi nel reparto in cui svolgo il mio lavoro . . . . . ma è possibile questo !
    grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI