Diritto e Fisco | Articoli

Dirigenti illegittimi e firme nulle: entro quanto fare ricorso?

26 settembre 2015


Dirigenti illegittimi e firme nulle: entro quanto fare ricorso?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 settembre 2015



Riguardo la questione dei dirigenti illegittimi dell’Agenzia delle Entrate è proponibile l’eccezione di nullità di una cartella esattoriale non impugnata entro i termini di legge e firmata dai dirigenti di nomina illegittima? Se ciò non fosse possibile, si potrebbe eccepire l’inesistenza dell’atto o altra motivazione?

La problematica sollevata dal lettore è attualmente oggetto di confronto giurisprudenziale. Molte Commissioni Tributarie (sia in primo che in secondo grado) hanno sostenuto la nullità assoluta delle cartelle firmate dai cosiddetti “dirigenti illegittimi” dell’Agenzia delle Entrate: vizio che – secondo tale orientamento – sarebbe rilevabile in ogni stato e grado del giudizio, anche d’ufficio, e quindi oltre i termini concessi dalla legge al contribuente per le integrazioni dell’atto di ricorso introduttivo. In base a tale interpretazione, inaugurata dalla CTP di Milano [1] e poi confermata anche in appello dalla CTR Lombardia [2], il contribuente – tanto per fare un esempio – potrebbe sollevare l’eccezione di nullità dell’accertamento fiscale anche, per la prima volta, in appello o, addirittura, non avendo sollevato l’eccezione, potrebbe vedersi annullato l’atto d’ufficio, su rilievo dello stesso giudice, senza necessità di una apposita eccezione. E questo perché la nullità assoluta, che viene fatta rilevare in questi casi, viene fatta coincidere con la categoria giuridica dell’inesistenza dell’atto. Il vizio, pertanto, non sarebbe suscettibile di sanatoria neanche per l’intervenuto decorso dei termini.

Sempre, peraltro, in base a tale orientamento, al contribuente basterebbe sollevare l’eccezione di carenza di poteri del dirigente firmatario, essendo l’onere della prova contraria a carico dell’Agenzia delle Entrate per via del fatto che solo quest’ultima è in possesso dei documenti idonei a certificare il curriculum del proprio dipendente.

Per un rapido confronto di tutti i precedenti a favore di questa tesi e di quelli contrari, La rinvio a questo articolo pubblicato dal nostro portale: “Agenzia Entrate e firme dirigenti illegittimi: sentenze a confronto”.

In questi giorni, tuttavia, la Cassazione ha emesso una sentenza [3] che sembrerebbe disattendere tale interpretazione e, anzi, andare proprio nel senso contrario. La pronuncia in questione – che pur non attenendo alla questione dei “dirigenti illegittimi”, riguarda una contestazione ad essa assimilabile (carenza di firma sull’accertamento) – sostiene la tesi secondo cui il vizio di “nullità”, nell’ambito del diritto tributario, potrebbe essere fatto valere solo dopo 60 giorni dalla notifica dell’atto asseritamente invalido. Con la conseguenza che l’accertamento fiscale non impugnato nei termini di legge (appunto 60 giorni) diverrebbe definitivo anche in presenza di un vizio così grave da essere classificato come “nullità” dell’atto. In altre parole, nell’ambito del diritto tributario, la categoria della “nullità” subirebbe regole differenti rispetto alla nullità degli atti civilistici; sarebbe piuttosto assimilabile alla cosiddetta “annullabilità”. Con la conseguenza che il vizio potrebbe essere sanato una volta spirati i termini per impugnare l’accertamento fiscale.

Abbiamo avuto modo di criticare questo orientamento – che ci sembra ledere gli interessi nel contribuente e soprattutto, nel caso di specie dei falsi dirigenti, essere macchiato di una certa illogicità – in questo articolo: “Dirigenti illegittimi: la Cassazione a sentenza”.

note

[1] CTP Lombardia sent. n. 3222/25/2015

[2] CTR Lombardia sent. n. 2184/13/2015, sent. n. 2698/2015 del 10.07.2015; sent. n. 3700/2015 del 13.07.2015; sent. n. 3702/2015 del 17.07.2015, sent. n. 3703/2015 del 17.07.2015.

[3] Cass. sent. n. 18448 del 18.09.2015.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI