HOME Articoli

Lo sai che? Conti intestati a più persone e morte di un titolare: cosa succede?

Lo sai che? Pubblicato il 27 settembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 27 settembre 2015

Conto corrente bancario o libretto postale: se uno dei titolari decede, cosa prevede la legge tra gli altri cointestatari?

Capita spesso che le famiglie italiane aprano presso Istituti bancari o Uffici postali dei conti o dei libretti postali intestandoli a più persone (di solito moglie e marito) con la clausola della firma disgiunta. Si tratta di rapporti in cui i singoli cointestatari del conto e/o dei libretti postali possono operare sui medesimi disgiuntamente, cioè l’uno senza il preventivo consenso dell’altro ed indipendentemente dall’altro o dagli altri cointestatari.

Ma che succede in caso di decesso di uno dei contitolari del conto bancario o del libretto postale a firma disgiunta?

È cosa risaputa che alla morte di uno dei cointestatari a firma disgiunta le banche e gli uffici postali – venuti a conoscenza dell’evento – “bloccano” la possibilità di accedere e, dunque, prelevare dal conto o dal libretto fino a che il superstite titolare non produca tutta la documentazione (certificato di morte, eventuale testamento, dichiarazione di successione).

Ebbene, la morte di uno dei titolari di un conto o libretto con clausola di firma disgiunta non produce lo scioglimento o venir meno del contratto con la banca o le Poste: il rapporto, quindi, prosegue con l’altro titolare superstite e gli eredi del defunto. Questi soggetti potranno operare sul conto o sul libretto separatamente, ma se il superstite titolare del conto potrà agire da solo e senza necessità di autorizzazione da parte degli eredi del defunto cointestatario, questi ultimi (se più di uno) potranno accedere e operare sul conto o sul libretto, indipendentemente dal titolare superstite, a condizione che lo facciano congiuntamente fra loro.

In tal senso ha deciso sia la giurisprudenza [1] nonché l’arbitro bancario [2].

Più in particolare, sempre la giurisprudenza [3] ha precisato che, deceduto uno dei cointestatari, fra gli eredi e l’altro cointestatario superstite c’è solidarietà sia per i crediti che per i debiti. Ciò vuol dire che il saldo è per intero nella disponibilità di tutti i cointestatari anche se il danaro viene depositato da uno solo di essi o da terzi.

Dunque gli eredi del cointestatario devono sapere che le operazioni sul conto e sul libretto che intenderanno effettuare non potranno avvenire se non sono tutti d’accordo.

La firma disgiunta, infatti, per gli eredi del cointestatario significa che non c’è bisogno dell’accordo con il cointestatario superstite, ma non che ciascuno di loro possa agire da solo e senza il consenso degli altri eredi.

In altre parole, nei confronti dell’istituto bancario o dell’ufficio postale, e per poter legalmente agire sul conto o sul libretto, gli eredi del cointestatario di un conto o libretto a firma disgiunta dovranno considerarsi come se fossero un unico soggetto: e, quindi, o sono d’accordo per operare, oppure sarà da considerarsi illecita l’operazione (se mai andasse a buon fine) che il singolo erede avrà effettuato senza informare (per ottenerne il consenso poi negato), o, peggio ancora, con il dissenso degli altri eredi.

note

[1] Cass. sent. n. 15.231 del 29.10.2002.

[2] ABF Milano, decisione n. 1525 del 2014.

[3] Cass. sent.. n. 4496/2010.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. buon giorno, sono giunta vittoria e avrei un quesito da porvi. Mia madre é deceduta nel 2015 , premetto che siamo 4 figli . e tutti e 4 residenti in belgio .poco prima di morire i miei fratelli hanno raggirato mia madre erano d’accordo che dovevano prendersi tutto loro , il fratello piu’ piccolo si é fatto fare l’atto della casa e si son fatti consegnare i libretti di risparmio che erano piu’ di uno in cui c’erano cointestati in uno un fratello e in un’altro l’altro fratello , mia madre ce lo disse perché se succedeva qualcosa c’era qualcuno che poteva prelevare , invece mia madre é deceduta e sia a me che a mia sorella non ci hanno comunicato niente .si sono appropiato tutto loro ,abbiamo scritto alla posta tramite il nostro avvocato , ma la risposta é stata che se c’era un libretto cointestato per ragioni di privacy non potevano dairci niente.ora, io sono sicura anzi sicurissima che mia madre i soldi li aveva , e siccome abbiamo impugnato la casa , e il fratello che ha la casa vuole dei soldi per le spese del funerale (mentre mia madre aveva tutto pagato da anni ) l’altro fratello( che nel frattempo hanno litigato ) dice di non pagarglieli , perché lui ha preso un bonifico postale di 4.500 , hanno preso gli atti notori sia mio che di mia sorella ( ci ha detto perfino la cifra che hanno pagato al comune, 15 euro) , e i soldi ci sono arrivati qui , in belgio dove risediamo , ora dico , perché la posta non ci ha detto di questi libretti? si puo’ fare qualcosa ?? potete aiutarmi? perché io vivo in belgio e tutto l’affare é in sicilia . grazie.

  2. Buongiorno, vorrei sapere cosa succede se il cointestatario è a sua volta un erede.
    La ringrazio in anticipo per la risposta

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI