Diritto e Fisco | Articoli

Morte prematura dell’istanza di trattazione

4 marzo 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 marzo 2012



L’istanza di trattazione non è più.

Il legislatore, sensibilizzato dalle critiche provenienti dagli addetti ai lavori, ha posto nel nulla una norma [1], eliminando quella istanza di trattazione che le parti interessate nei procedimenti pendenti dinanzi alla Corte di Cassazione iniziati prima del 4.7.2009 e davanti alla Corte d’Appello risalenti a prima dell’1.1.2009, erano onerati a presentare entro il 30.6.2012 per evitare l’improcedibilità del giudizio (ne avevamo parlato, all’alba della sua approvazione, in questa pagina).

La singolarità della norma abrogata [2] stava nel fatto che, in realtà, si era trasformata in un altro motivo di ritardo dei giudizi interessati. I giudici, infatti, stavano rinviando le udienze per consentire alla parte di presentare un’istanza in cui dichiarare il proprio interesse o meno alla prosecuzione del giudizio.

A tanto si aggiunge che la modifica introdotta dal d.l. 212/11, che aveva fissato un termine perentorio di presentazione senza il preavviso originariamente previsto, aveva di fatto trasformato l’istanza in una vera e propria trappola per l’utente di una giustizia lumaca.

[1] Art. 26 L.183/2011 approvato circa tre mesi prima e addirittura modificato in pejus dal D.L. 212/2011.

[2] Avente il titolo “misura straordinaria per ridurre il contenzioso civile pendente davanti alla Corte di Cassazione ed alla Corte di Appello”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI