Diritto e Fisco | Articoli

Aprire un bed and breakfast: nessun limite di chiusura e dimensioni

27 giugno 2016


Aprire un bed and breakfast: nessun limite di chiusura e dimensioni

> Business Pubblicato il 27 giugno 2016



I B&B non devono necessariamente chiudere per un periodo e i requisiti minimi di dimensione non sono ammessi. La decisione del TAR del Lazio. 

Chi non ha mai pensato di aprire un bed and breakfast in una residenza caduta in disuso o anche nel proprio appartamento?

Tra gli aspetti che hanno storicamente frenato l’apertura di queste attività vi erano alcuni limiti quali una dimensione minima in termini di stanze, o la necessità che la struttura restasse chiusa per almeno un periodo determinato dell’anno.

Tutto ciò è stato sovvertito da una recente sentenza del Tar del Lazio che ha stabilito che questo genere di regole sono limitative della concorrenza e non possono dunque essere applicate. Ecco i dettagli.

Nessun limite all’apertura di bed and breakfast

Agli affittacamere  e ai bed and breakfast (come a qualsiasi struttura ricettiva o alberghiera) non si possono imporre  norme che limitino l’esercizio dell’attività. Rientrano in questa tipologia ad esempio quelle che impongono la chiusura per determinati periodi dell’anno o il rispetto di limiti dimensionali come il numero di camere.

Lo ha stabilito il Tar Lazio in una sua recente sentenza [1], che di fatto costituisce una svolta epocale per le attività anche non imprenditoriali di ricezione turistica.

Bed and Breakfast e affittacamere: non serve la qualifica imprenditoriale

Il caso riguarda un regolamento della Regione Lazio [2] che imponeva agli esercizi di affittacamere e B&B gestiti in forma non imprenditoriale, un regime di inattività forzata in alcuni periodi dell’anno (che il proprietario doveva comunicare) oltre che un limite dimensionale minimo. La soluzione per superare questi limiti era di aprire con forma imprenditoriale, altrimenti i B&B avrebbero dovuto chiudere i battenti.

Il Tar Lazio ha stabilito che tale regolamento regionale è illegittimo, perchè lesivo della libera concorrenza e ostacolo al libero esercizio dell’attività economica. Questi adempimenti costituirebbero difatti per il proprietario un aggravio dei costi ed oneri amministrativi rispetto agli imprenditori che esercitano la medesima attività.

Anche in considerazione seguito dell’intervento dell’Antitrust, che ha confermato la potenziale lesione della libera concorrenza nel settore, operata del citato regolamento, la normativa è stata annullata dal Tribunale amministrativo regionale e l’attività di Bed & Breakfast e di affittacamere si può dire definitivamente liberalizzata.

Consulta la sentenza completa sul nostro approfondimento: B&B i bed and breakfast non possono avere più limiti.

Come aprire un B&B: la nostra guida

Se hai intenzione di aprire un B&B, consulta la nostra guida per sapere quali sono i passaggi da compiere, tenendo presente quanto ti abbiamo segnalato in questo articolo in merito alla liberalizzazione dai vincoli amministrativi. Leggi anche Come avviare un Bed and Breakfast: no ai limiti condominiali  oltre la nostra guida completa Aprire un bed and breakfast: la guida.

note

[1] TAR Lazio, sent. n. 6755/16 del 13.06.2016.

[2] Reg. Lazio, reg. n. 8 del 7.04.2015.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI