HOME Articoli

Lo sai che? Guida in stato di ebbrezza: utilizzabilità degli esami effettuati in ospedale

Lo sai che? Pubblicato il 3 ottobre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 ottobre 2015

L’esame del sangue svolto in ospedale sui conducenti feriti può essere usato in giudizio solo se effettuato per necessità terapeutiche.

La Cassazione ha chiarito quando sono utilizzabili nel giudizio per reato di guida in stato di ebbrezza gli accertamenti medici a cui sono stati sottoposti i conducenti coinvolti nell’incidente stradale [1].

È opportuno premettere che la legge [2] prevede, per i conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti a cure mediche, la necessità che l’accertamento del tasso alcolemico venga effettuato, su richiesta degli organi di Polizia stradale, da parte delle strutture sanitarie di base o di quelle accreditate o comunque a tali fini equiparate.

Le strutture sanitarie rilasciano agli organi di Polizia stradale la relativa certificazione, estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati.

La Cassazione ha precisato la finalità di tale disposizione affermando che essa intende garantire che gli accertamenti siano condotti da personale sanitario all’interno di una struttura sanitaria.

Quando il soggetto conducente sia stato coinvolto in un incidente stradale e poi sottoposto a cure mediche in ospedale, non è rilevante, ai fini dell’utilizzabilità dei risultati, che l’accertamento del tasso alcolemico sia stato eseguito su richiesta della polizia giudiziaria o per prassi sanitaria.

I risultati dell’esame ematico effettuato dalla struttura ospedaliera sono comunque utilizzabili se eseguiti per necessità terapeutiche e, comunque, in generale, nell’ambito di un protocollo medico.

Né per l’utilizzabilità degli accertamenti medici è necessario il consenso dell’interessato, diverso ed ulteriore da quello già previsto in linea generale per l’attività terapeutica.

In assenza della necessità terapeutica, invece, i risultati degli esami medici devono invece considerarsi inutilizzabili perché potrebbero rappresentare una prova appositamente precostituita.

 

[1] Cass. sent. n. 39784 del 1.10.15

[2] Art. 186, c. 5, Cod. della Strada.

note

[1] Cass. sent. n. 39784 del 1.10.15

[2] Art. 186, c. 5, Cod. della Strada.

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 16 giugno – 1 ottobre 2015, n. 39784
Presidente Sirena – Relatore Dovere

Ritenuto in fatto

1. R.F. propone ricorso per cassazione avverso il provvedimento indicato in epigrafe con il quale é stata confermata la pronuncia di condanna alla pena ritenuta equa emessa nei suoi confronti dal Tribunale di Alessandria per i reati di cui all’art. 186, co. 1, 2 lett. c) e 2bis, commesso il 29.11.2009, in uno all’assoluzione per il reato di cui all’art. 187, co. 1 e Ibis Cod. str..
2. Con il ricorso deduce violazione di legge, essendo stato ritenuto utilizzabile l’esito dei prelievo ematico eseguito sull’imputato in ambiente ospedaliero nonostante questo fosse stato eseguito al solo fine di stabilire il tasso alcolemico per le esperende indagini di p.g..
Con un secondo motivo deduce contraddittorietà e manifesta illogicità della motivazione perché la Corte di Appello avrebbe affermato, in contrasto con le emergenze processuali, che il prelievo non fu effettuato su richiesta della PG, che l’accertamento del tasso alcolemico fu reso necessariò dalle finalità terapeutiche e che ciò risulterebbe confermato dal certificato di dimissione.

Considerato in diritto

3. II ricorso è manifestamente infondato.
3.1. I motivi possono essere trattati unitariamente.
Questa Corte ha già ripetutamente affermato che in occasione dell’esecuzione degli accertamenti previsti dall’art. 186, co. 5 Cod. str. non è richiesto il consenso dell’interessato, diverso ed ulteriore da quello che è previsto in linea generale per l’attività terapeutica (cfr., ad esempio, Sez. 4, Sentenza n. 1522 del 10/12/2013, Lo Faro, Rv. 258490, per la quale la specifica disciplina dettata dall’art. 186 del nuovo codice della strada – nel dare attuazione alla riserva di legge stabilita dall’art. 13, comma secondo Cost. – non prevede alcun preventivo consenso dell’interessato al prelievo dei campioni; diffusamente in argomento, sez. 4, sentenza n. 15708 del 18.12.2012, Gigli, non massimata). Ciò in quanto il legislatore, nel porre la previsione di cui all’art. 186, co. 5 Cod. str., ha unicamente inteso garantire che gli accertamenti (non necessariamente costituiti dal prelievo ematico, anche perché possono divenire disponibili nel tempo ulteriori metodiche) siano condotti da personale sanitario all’interno di struttura sanitaria. Ove si tratti di soggetto conducente che, perché rimasto coinvolto in incidente stradale, sia stato sottoposto a cure mediche, non assume alcun rilievo che l’accertamento del tasso alcolemico venga eseguito solo perché richiesto dagli organi della Polizia stradale o per decisione congiunturale o prassi operativa della struttura sanitaria.
Coglie quindi il segno il ricorrente quando evoca la giurisprudenza di questa Corte che afferma l’utilizzabilità degli accertamenti quando siano stati eseguiti nell’ambito di un protocollo medico (cfr. ex multis, Cass. Sez. 4, sent. n. 4118 del 09/12/2008, Rv. 242834). Ma erra quando sostiene che nel caso di specie l’accertamento non si connetteva al protocollo sanitario perché eseguito non per necessità terapeutiche ma su richiesta della P.G.
Peraltro, la circostanza che il prelievo sia stato eseguito su un paziente in stato di incoscienza – rammentata dal ricorrente medesimo – rende conclamata la finalità in primo luogo terapeutica del prelievo. Che tuttavia rimane non essenziale; sicché le affermazioni fatte dalla Corte di Appello – alla quale l’esponente rimprovera con il secondo motivo di aver sostenuto che il prelievo venne eseguito per le necessità di cura, laddove era stato oggetto di specifica richiesta della P.G. – anche se fossero contraddette dai materiali di prova – non determinerebbero la fondatezza del motivo.
4. In conclusione, il ricorso é inammissibile e il ricorrente va condannato, a norma dell’art. 616 cod. proc. pen., al pagamento delle spese processuali e della somma, che si ritiene equo liquidare in € 1.000,00, in favore della cassa delle ammende, non ravvisandosi assenza di colpa in ordine alla determinazione della causa di inammissibilità.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di € 1.000,00, in favore della cassa delle ammende.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI