Diritto e Fisco | Articoli

Se arriva una cartella Equitalia per una multa già annullata

5 Ottobre 2015
Se arriva una cartella Equitalia per una multa già annullata

Equitalia mi ha notificato una cartella esattoriale per una multa impugnata e che il giudice ha annullato: il mio avvocato dice che devo far ricorso anche contro la cartella, è corretto?

 

In verità, per le cartelle esattoriali emanate a seguito di atti già sospesi, annullati o oggetto di sgravi, è possibile chiedere, direttamente a Equitalia, la sospensione. La procedura, interessata dall’ultima riforma della riscossione, consente infatti, entro 60 giorni dalla notifica della cartella, di presentare un’istanza di sospensione allo sportello di Equitalia (i moduli si ritirano all’ufficio o si scaricano dal sito). Grazie a questa procedura, il contribuente può beneficiare dell’immediata interruzione di tutte le azioni esecutive (pignoramenti) e/o cautelari (fermi e ipoteche).

È necessario presentare all’agente della riscossione una semplice autodichiarazione, ove si documenta che il credito è stato interessato da sgravi e/o sospensioni, o annullamenti (sia giudiziali che amministrativi), da decadenza e/o prescrizione, oppure che non è esigibile per altra causa.

Inoltre, il contribuente deve spiegare nell’istanza di sospensione le ragioni per cui ritiene che gli atti sottostanti siano illegittimi e quindi andrà, nel caso di specie, allegata la sentenza del giudice di pace che ha dichiarato illegittima la multa.

Equitalia ha poi 10 giorni di tempo per trasmettere l’istanza e la documentazione allegata all’ente creditore (agenzia delle Entrate, Inps, e così via), cui spetta il vaglio sulla fondatezza della richiesta.
L’istanza può essere presentata anche in via telematica.

Il mancato rispetto del termine di presentazione dell’istanza – che, come detto, è di 60 giorni dalla notifica della cartella – comporta il rigetto dell’istanza.
Questa procedura è consentita anche per i seguenti casi:

prescrizione o decadenza del diritto al credito in data antecedente a quella in cui il ruolo è reso esecutivo;
– avvenuto sgravio o sospensione dell’atto sottostante, in via amministrativa con un provvedimento dall’ente creditore o in via giudiziale dalla Ctp;
annullamento dell’atto sottostante con una sentenza emessa in un giudizio al quale l’agente per la riscossione non ha preso parte;
pagamento dell’atto sottostante il provvedimento di Equitalia in data antecedente alla formazione del ruolo stesso in favore dell’ente creditore.
Sempre a seguito della riforma, questo elenco è divenuto tassativo e non sono previste possibilità di estenderlo ad altre ipotesi non espressamente contemplate.

Se entro 220 giorni dalla presentazione dell’istanza a Equitalia, l’ente creditore non dovesse inviare alcun riscontro, la cartella sarà annullata di diritto (silenzio assenso).


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube