HOME Articoli

Lo sai che? Acquisti online: i furbi rischiano la truffa

Lo sai che? Pubblicato il 7 marzo 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 marzo 2012

Riproduce una ricevuta di bonifico bancario per provare un falso acquisto on line e ottenere la consegna della merce: condannato per reato di truffa.

Commette il reato di truffa chi falsifica una ricevuta per provare il pagamento di un acquisto on line che in realtà non è mai avvenuto [1].

Un utente della rete, ricorrendo a programmi grafici per pc, aveva realizzato una perfetta riproduzione di una ricevuta di bonifico bancario. Ciò al fine di simulare la prova del pagamento e ottenere così, dal fornitore online, la consegna della merce al proprio domicilio.

Non si può dire che l’autore di tale condotta conoscesse il codice penale altrettanto bene come il manuale di Photoshop. Non solo, infatti, s’è visto rifiutare la consegna della merce, ma ha ricevuto anche una condanna per truffa.

 

note

[1] Trib. di Monza, sent. del 10.01.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Ho versato tramite un bonifico postale,euro 1470, l’equivalente per sette bancali di pellet al titolare di una ditta di Spezzano della Sila.
    In questo caso ho pagato in anticipo e sono venuto a conoscenza che, come me, altre 33 persone non hanno ricevuto quanto ordinato. Il titolare della ditta, a sua volta, ha fatto denuncia di querela nei confronti di chi non ha fornito a lui stesso il pellet che per questo motivo, non ha fornito i clienti in questione. Le domande sono queste:: La vicenda è complicata o è di facile soluzione? Prima della scadenza dei tre mesi per fare denuncia, la stessa si può ritirare nell’eventualità che in seguito venga rimborsato? Grazie Castellarin Renzo

  2. All’acciandomi al commento di cui sopra, nel mese di Novembre ho ricevuto euro 250 come parziale rientro in relazione ai 1470 euro da me versati per un ordine di 7 bancali di pellet,mai consegnato.Ho fatto denuncia e ho comunicato al debitore la mia azione a riguardo. Mi ha inviato come detto,euro 250,invitandomi a ritirare la denuncia prima che la stessa vada in giudizio,promettendo che in 2/3 mesi avrebbe saldato il resto.
    Oggi, 28/01/2016, la situazione è rimasta invariata. Se la denuncia di querela dovesse andare in giudizio, non ci sono più i presupposti per ritirarla? Grazie. Cordialmente Castellarin Renzo.

  3. Ho fatto denuncia di querela per mancata consegna del pellet.
    Quando il titolare della vicenda è stato informato,mi ha inviato un bonifico di 250 euro,invitandomi a ritirare la querela in quanto avrebbe provveduto a saldarmi quanto ancora in sospeso. Non avendo raccolto l’invito, posso ritirare la querela qualora la stessa passi in giudizio? Grazie Castellarin Renzo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI