Diritto e Fisco | Articoli

Parte lo smaltimento dell’arretrato civile: priorità alle cause iscritte fino al 2000

8 Ottobre 2015 | Autore:
Parte lo smaltimento dell’arretrato civile: priorità alle cause iscritte fino al 2000

Gli uffici giudiziari hanno 4 mesi per smaltire le cause del secolo scorso e 8 per quelle fino al 2005: i dati e le misure del progetto Strasburgo 2.

Nei giorni scorsi il Capo del Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, Mario Barbuto, ha trasmesso a tutti gli uffici giudiziari il documento con il quale si vara ufficialmente il Progetto “Arretrato civile ultratriennale – Programma Strasburgo 2[1].

Si tratta di un piano strategico ideato dal Ministero della Giustizia per smaltire l’arretrato civile che pesa sull’economia dell’intero Paese nonché sulle tasche dello Stato, visto il numero sempre crescente di ricorsi per l’indennizzo Legge Pinto.

Nel documento il Ministero invita i capi degli uffici giudiziari a darsi 4 mesi di tempo per l’azzeramento dei 44.639 procedimenti civili iscritti a ruolo fino al 2000 e pendenti al 31/12/2014 presso corti di appello e tribunali (erano 86.283 col censimento dell’anno precedente, quasi il doppio).

Scadenza più lunga di 8 mesi invece per lo smaltimento delle 73.928 cause iscritte negli anni 2001-2005 (erano 127.146 l’anno precedente).
Con riferimento ai procedimenti del “secolo scorso”, si invitano gli uffici a definire le cause “con precedenza assoluta”, anche a rischio di penalizzare (sempre nei limiti fisiologici) la durata delle cause più recenti.

La Direzione generale di Statistica del Ministero avrà una funzione di osservazione/vigilanza, svolgendo verifiche dei dati che verranno tempestivamente comunicati agli uffici interessati.
Il documento in questione indica alcuni dati interessanti sul censimento delle cause civili attualmente pendenti presso tribunali e corti d’appello.

Le cause ultratriennali pendenti al 31/12/2014 (cioè quelle iscritte a ruolo fino al 2011 e quindi soggette al c.d. rischio Pinto) sono diminuite da 1.117.769 a 930.477, con un abbassamento del tasso di invecchiamento delle pendenze globali che passa dal 32% al 29,5%.

Il progetto Strasburgo prende le mosse dal censimento della giustizia civile effettuato nell’ottobre 2014, aggiornato al 12 agosto 2015, considerando il totale degli uffici giudiziari (Corte di Cassazione, Corti d’Appello, Tribunali, Uffici dei Giudici di pace, Tribunali per i minorenni). Ecco i dati [2]:

Anno giudiziario 1 luglio 2010 / 30 giugno 2011
TipologiaNumero 
Iscritti4.475.419 
Definiti4.527.574 
Pendenti finali5.738.673 
Anno giudiziario: 1 luglio 2011 / 30 giugno 2012
TipologiaNumeroVariazione rispetto
all’anno precedente
Iscritti4.329.262-3,30%
Definiti4.532.9300,10%
Pendenti finali5.488.102-4,40%
Anno giudiziario: 1 luglio 2012 / 30 giugno 2013
TipologiaNumeroVariazione rispetto
all’anno precedente
Iscritti4.348.9020,50%
Definiti4.554.0380,50%
Pendenti finali5.257.693-4,20%
Anno giudiziario: 1 luglio 2013 / 30 giugno 2014
TipologiaNumeroVariazione rispetto
all’anno precedente
Iscritti4.219.657-3,00%
Definiti4.578.6050,50%
Pendenti finali4.898.745-6,80%

Si registra un miglioramento nell’ultimo quadriennio, con una diminuzione dell’arretrato più consistente del -6,8% alla fine dell’ultimo anno.

Tuttavia, si è ancora molto lontani dal raggiungimento di dati fisiologici. Occorre, innanzitutto, un rinforzo di personale negli uffici giudiziari e in questa direzione sono stati forniti dal Ministero 98 funzionari (provenienti dal c.d. concorso Ice – Istituto nazionale Commercio Estero) e sono in arrivo altre risorse (1.031 unità a seguito del c.d. bando di mobilità esterna e circa 2mila che saranno assunte ai sensi del Decreto Giustizia per la Crescita convertito nella legge 132/2015).


note

[1] Progetto Strasburgo 2 – Lettera del Capo Dipartimento del 2 ottobre 2015.

[2] Fonte: Ministero della Giustizia, “Aggiornamento del Censimento speciale della giustizia civile” del 11.8.15.

Autore immagine: 123rf com


1 Commento

  1. Ci rendiamo conto che a diminuire sono sostanzialmente i procedimenti iscritti, mentre NON aumentano i procedimenti definiti?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube