HOME Articoli

Lo sai che? Rapina in azienda: il datore di lavoro deve risarcire i propri dipendenti

Lo sai che? Pubblicato il 6 marzo 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 6 marzo 2012

L’azienda che non ha predisposto adeguate misure di protezione deve risarcire i dipendenti aggrediti dai rapinatori sul luogo di lavoro.

L’azienda è tenuta ad adottare tutte le misure di protezione, non necessariamente sofisticate, per evitare intrusioni nei locali d’ufficio; se ciò non avviene, gli eventuali danni fisici (come una lesione) o psichici procurati ai dipendenti da malintenzionati introdottisi nei locali dà diritto a questi ultimi al risarcimento del danno non patrimoniale [1].

Con questo principio, la Cassazione [2] ha riconosciuto al lavoratore, nel caso di infortunio procurato durante una rapina in azienda, il danno per la lesione all’integrità psicofisica.

Nel caso di specie, le finestre della ditta non erano protette né da grate metalliche, né da vetri antisfondamento; l’intrusione era inoltre avvenuta nelle ore notturne.

 

 

note

[1] Ai sensi dell’art. 2059 c.c.

[2] Cass. sent. n. 3416 del 5 marzo 2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI