Partite IVA e nuovo regime dei minimi: più facile entrare

9 ottobre 2015


Partite IVA e nuovo regime dei minimi: più facile entrare

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 ottobre 2015



Minimi, sale il tetto per i ricavi per tutte le categorie: per i professionisti raddoppia a 30mila euro.

 

La legge di Stabilità potrebbe estendere il regime fiscale dei minimi a una platea più allargata di contribuenti che, invece, attualmente, sono tagliati fuori: lo scopo del Governo è infatti quello di rivedere le regole e i limiti fissati nella manovra dell’anno scorso che aveva penalizzato numerose partite IVA, commercianti, artigiani e professionisti.
In particolare l’Esecutivo punta ad alzare il tetto massimo dei ricavi per poter entrare nel nuovo regime dei minimi, con notevole risparmio di imposta per il contribuente: così, la soglia dei compensi massimi, attualmente pari a 15mila euro, prevista come condizione per l’accesso al regime agevolato per professionisti ed esercenti scientifiche, tecniche, sanitarie di istruzione, servizi finanziari e assicurativi raddoppierà, passando a 30mila euro.

L’innalzamento riguarderà anche tutte le altre attività e sarà di circa 5-10mila euro per singola categoria (a seconda della scelta che farà il Governo).

Quanto invece all’imposta che si dovrà pagare, questa sarà in misura fissa pari al 5% e coprirà l’Irpef e addizionali, Irap e Iva, per i primi 3 o 5 anni (anche qui non è chiara ancora quale sarà la scelta finale) per poi passare al 15%.

Non in ultimo potrebbe essere ritoccato anche il tempo massimo di permanenza nel regime dei minimi, con un allungamento degli attuali paletti (nel vecchio regime pari a 5 anni), ma tutto dipenderà dalle risorse economiche che si renderanno disponibili per allargare l’agevolazione.
La modifica al regime agevolato dovrebbe riguardare anche dipendenti e soprattutto pensionati che ancora lavorano con una partita Iva. Il limite attuale dei 20mila euro per entrare nel regime agevolato e oltre il quale viene meno la verifica della prevalenza tra redditi di lavoro autonomo e redditi di lavoro dipendente e assimilati potrebbe aumentare a 30mila euro.

Si fa strada anche nel Governo l’idea di fondere Imu e Tasi su seconde case e altri immobili, chiudendo definitivamente la sfortunata esperienza del tributo sui “servizi indivisibili”. Ad anticipare l’ipotesi è il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti.

Il matrimonio fra Imu e Tasi semplificherebbe la vita dei proprietari, che oggi sono costretti a pagare con doppi moduli e doppi calcoli quella che nei fatti è la stessa imposta con due nomi diversi. La fusione delle due imposte trova però già un ostacolo, più di “immagine” che di sostanza: oggi l’Imu ha un’aliquota massima del 10,6 per mille, a cui i Comuni, secondo il meccanismo cervellotico della doppia imposta, possono aggiungere uno 0,8 per mille di Tasi a patto di riservare qualche detrazione alle abitazioni principali. L’unione di Imu e Tasi sotto un cappello unico potrebbe allora portare l’aliquota massima all’11,4 per mille.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI