Diritto e Fisco | Articoli

Sesso in macchina: può essere pericoloso

6 Marzo 2012
Sesso in macchina: può essere pericoloso

Sesso in auto e reato di atti osceni in luogo pubblico: basta la possibilità di essere visti dagli altri. 

Consumare un rapporto sessuale in macchina può costituire reato di atti osceni in luogo pubblico.

Lo ha stabilito la Corte Suprema in una recentissima sentenza [1].

Era accaduto che un uomo fosse stato colto in flagrante dai vigili urbani mentre consumava, all’interno della propria autovettura, un rapporto sessuale con una prostituta.

L’uomo s’era giustificato sostenendo che la strada fosse chiusa (si trattava di un vicolo cieco). Tuttavia la Cassazione ha stabilito che, poiché “l’accesso era pieno”, cioè la strada era in realtà aperta al pubblico, il semplice pericolo d’essere visto da altri (in termini potenzialmente lesivi del pubblico pudore) integri di per sé il reato.

A nulla dunque vale invocare, come giustificazione, il fatto che la strada sia chiusa e nessuno sia presente al momento del fatto. Non rileva, infatti, la situazione in atto, ma il pericolo che eventualmente si corre.

Infatti la valutazione della pericolosità del comportamento va condotta prima, considerando il luogo e l’ora in cui la condotta viene posta in essere, e non quando il fatto è già accaduto e scoperto.

Il malcapitato ha quanto meno ottenuto la conversione della pena detentiva in pecuniaria.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 8016 del 1 marzo 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. La sentenza è particolarmente rigorosa. Ho l’impressione che con questa severità si voglia colpire, più che le coppiette, il fenomeno prostituzione sulle strade.

  2. La finalità principale mi pare assolutamente quella. Tuttavia la portata pratica è molto più ampia, in quanto la persona potrebbe essere tranquillamente insieme alla propria partner e ciò non assumebbe rilevanza alcuna.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube