Diritto e Fisco | Articoli

Ipoteca Equitalia nulla

11 ottobre 2015


Ipoteca Equitalia nulla

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 ottobre 2015



Sia che si tratti di prima casa che di altri immobili l’ipoteca deve essere preceduta da una previa comunicazione di avviso che concede con 30 giorni di tempo per difendersi.

Equitalia può iscrivere l’ipoteca anche sulla prima casa, a condizione che:

– il debito accumulato dal contribuente per cartelle non pagate (anche se oggetto di opposizione in tribunale) sia non inferiore a 20mila euro;

– venga prima inviata al contribuente un preavviso, con cui gli si assegna un termine di 30 giorni per difendersi. La mancata notifica di tale comunicazione rende nulla l’ipoteca. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

Ovviamente, salvo il caso di accertamenti immediatamente esecutivi, il preavviso di ipoteca deve essere a sua volta preceduto dalla notifica della cartella esattoriale.

Il contribuente, quindi, non potrebbe vedersi iscrivere ipoteca sui propri beni senza aver mai ricevuto, prima di allora, alcuna comunicazione con l’avvio della riscossione o, prima ancora, la notifica di una cartella di pagamento. Diversamente verrebbe violato il suo legittimo diritto di difesa e del contraddittorio.

Pertanto, come chiarito dalla Cassazione, in tema di riscossione coattiva delle imposte, Equitalia, prima di iscrivere l’ipoteca su beni immobili di proprietà del contribuente, deve comunicare a quest’ultimo che procederà alla suddetta iscrizione attraverso la notifica del cosiddetto avviso di iscrizione ipotecaria. Nella comunicazione in questione deve anche concedergli 30 giorni di tempo per presentare osservazioni o effettuare il pagamento. Inoltre, la comunicazione deve contenere l’avviso che, se nel termine di 30 giorni non si provvederà al pagamento delle somme iscritte dovute, avrà luogo l’iscrizione ipotecaria. Insomma, il contribuente deve essere posto nella condizione di comprendere che, in caso di inadempimento, l’ipoteca scatterà senza bisogno di ulteriori solleciti.

Equitalia notifica il preavviso di iscrizione ipotecaria con le modalità previste per la cartella di pagamento: ossia, notifica a mani proprie o a mezzo del postino, con consegna – se il destinatario è assente dall’abitazione – a (secondo l’ordine) un familiare convivente, persona addetta alla casa o al portiere dello stabile.

Non è previsto che l’AdR effetti altra successiva comunicazione, neppure dell’avvenuta iscrizione ipotecaria.

L’obbligo di preventiva comunicazione e concessione del termine di 30 giorni affinché il contribuente possa esercitare il diritto di difesa, presentando opportune osservazioni o provvedere al pagamento del dovuto, si applica anche ai procedimenti iniziati prima del 13 luglio 2011 (quando l’obbligo non era previsto per legge) con conseguente nullità dell’ipoteca iscritta in assenza della preventiva comunicazione [2].

Sebbene non espressamente specificato dalla norma, la comunicazione con il preavviso deve contenere:

– l’identificazione dell’immobile (occorre l’indicazione del subalterno catastale relativo alla porzione immobiliare interessata [3]) e l’indicazione della somma per la quale l’ipoteca è iscritta;

– il valore dell’immobile compresa la relativa rendita catastale [4];

– il prospetto degli atti impositivi alla base dell’iscrizione [5];

– il termine entro il quale il contribuente può proporre opposizione e il tribunale a cui proporla [6];

– il responsabile del procedimento (ma l’omissione non sarebbe causa di nullità dell’atto secondo alcuni giudici[7]);

– l’indicazione degli atti impositivi e l’importo totale per cui si procede, al fine di verificare il rispetto dei limiti di legge [8].

 

note

[1] Cass. sent. n. 20352 del 9.10.2015.

[2] Cass. SU sent. n. 19667/2014.

[3] Cass. sent. n. 14675/2003, richiamata da CTR Lazio sent. n. 374/2008.

[4] CTP Torino sent. n. 95/2008 e CTP Parma sent. n. 62/2009.

[5] CTP Parma sent. n. 62/2009 e CTP Caltanissetta sent. n. 601/2012.

[6] Art. 3 c. 4 L. 241/90, Cass. sent. n. 4777/2013.

[7] In senso contrario: CTP Reggio Emilia sent. n. 272/2008 e CTP Cosenza 19 sent. n. 253/2009.

[8] CTR Abruzzo sent. n. 480/2012.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. in questi giorni ho ricevuto un avviso di pagamento x una multa autovelox del 13 ottobre 2013, non ho mai ricevuto la notifica.ho telefonato ai vigili ,chiedendo spiegazioni, e copia del verbale ,entro 15 g.g. da pagare euro 355. .infrazione di velocita’ sulla statale 16 km 90,viaggiavo a 109. su quella strada il limite e quasi sempre 110 ,cioe’ stavo sempre su quella velocita,non mi risulta ,poi 2 anni fa di aver visto i il segnale dei90. cumunque sul verbale manca la data del giorno dell’atto e della spedizione, nel contenuto della relazione a giorni posteriori dicono che in data eccc,.posso fare ricorso al giudice di pace? mi si dice di aspettare la carta esattoriale? che pagare,? si puo pagare a rate ? SONO UN PENSIONATO, GRAZIE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI