Diritto e Fisco | Articoli

Cassa forense: quando si prescrivono i contributi?

12 Ottobre 2015 | Autore:
Cassa forense: quando si prescrivono i contributi?

I contributi previdenziali gestiti dalla Cassa Forense sono soggetti al termine di prescrizione quinquennale decorrente dalla data di invio della dichiarazione.

 

I contributi previdenziali, nonché i relativi interessi e sanzioni, dovuti dagli iscritti alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense si prescrivono in 5 anni. Il termine di prescrizione quinquennale previsto per tutti i contributi di previdenza e assistenza sociale obbligatoria [1] si estende infatti anche alle gestioni previdenziali dei liberi professionisti [2].

Ciò vuol dire che la Cassa Forense non può più richiedere i contributi una volta decorsi 5 anni; lo stesso vale per gli accessori e le sanzioni per omissioni o ritardi contributivi. L’eventuale pagamento di contributi prescritti è indebito e dà diritto alla restituzione.

L’intervenuta prescrizione comporta anche un’altra conseguenza: sono invalidi e inefficaci gli anni di iscrizione a cui i contributi prescritti si riferiscono, i quali non potranno dunque essere utilizzati a fini previdenziali.

Si tratta a questo punto di verificare da quale data decorre la prescrizione. Secondo la Cassazione [3], in tema di previdenza obbligatoria gestita dalla Cassa Forense, il termine quinquennale di prescrizione inizia a decorrere dalla data di inoltro della dichiarazione del volume di affari poiché è a partire da tale momento che la Cassa è messa nella condizione di riscuotere i contributi in base all’aliquota calcolata e quindi di esercitare il proprio diritto di credito.

Per quanto riguarda le sanzioni amministrative per omesso o ritardato invio della dichiarazione, il termine di prescrizione quinquennale decorre dal primo giorno successivo a quello previsto per l’invio della dichiarazione.

Il termine di prescrizione può essere interrotto a seguito di atti di intimazione al pagamento e messa in mora inviati da parte della Cassa all’iscritto. In questo caso, dalla data di ricezione dell’atto, inizia a decorrere un nuovo termine di prescrizione quinquennale.

È ciò che avviene, per esempio, nel caso delle cartelle esattoriali aventi ad oggetto contributi della Cassa Forense; anch’esse, come quelle aventi ad oggetto i contributi INPS (ai quali sono equiparati quelli gestiti da enti previdenziali privati), si prescrivono in 5 anni dalla notifica, sempre che nel frattempo non siano intervenuti atti interruttivi della prescrizione.


note

[1] Art. 3, L. 335/95.

[2] Cass. sent. n. 2662/2006.

[3] Cass. sent. n. 24414/2008.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube