Business | Articoli

Agenzia delle entrate, 210mila avvisi: i redditi a rischio

30 giugno 2016


Agenzia delle entrate, 210mila avvisi: i redditi a rischio

> Business Pubblicato il 30 giugno 2016



Salgono ad oltre 210mila le lettere bonarie dell’Agenzia delle Entrate, si parte con le grandi città e a settembre di parte a regime.

Parte nelle grandi città il processo di invio delle lettere bonarie dell’Agenzia delle entrate. Arriveranno – e in parte sono state già inviate – tra Roma, Napoli e Milano il maggior numero di anomalie. In queste città in tre tranche sono state mandate 210mila lettere relative ai redditi del 2012.

Le lettere potranno arrivare anche per PEC per chi è possessore di Partita IVA.

Cosa comunica la lettera dell’Agenzia delle entrate?

La lettera inviata dall’Agenzia comunica la presenza di un’anomalia derivante dai controlli informatici relativamente ad una dimenticanza nei redditi dichiarati per il 2012. Le anomalie derivano dunque dall’incrocio dei dati in possesso dell’Agenzia, con i redditi dichiarati con la dichiarazione 2013 (riferita, appunto, all’annualità di imposta 2012).

In seguito alla segnalazione il contribuente può correggere l’errore tramite il ravvedimento operoso, pagando una sanzione del 12 per cento.

Agenzia delle Entrate: lettere bonarie dal prossimo anno partono i controlli

Il fatto che le lettere non siano un accertamento vero e proprio, quanto piuttosto appunto un avviso bonario, non deve trarre in inganno, perchè si tratta comunque di comunicazioni importanti che fanno rilevare errori esistenti.

Ecco cosa dice in merito l’Agenzia delle entrate:

Queste lettere – spiegano dall’Agenzia – si trasformeranno in controlli il prossimo anno. In quel caso la sazione sarà del 90/180% delle imposte evase». Messaggio da non sottovalutare, insomma, perchè persa la possibilità del ravvedimento operoso, un eventuale controllo porterebbe a multe salate.

Quali sono i redditi a rischio di controllo dell’Agenzia delle Entrate

I redditi non dichiarati sui quali l’Agenzia ha effettuato il controllo sono in genere:

  • quelli derivanti dall’affitto di un immobile di proprietà;
  • redditi di lavoro dipendente e assimilati;
  • assegni periodici corrisposti dall’ex coniuge;
  • redditi di partecipazione in società di persone o in società a responsabilità limitata a ristretta base proprietaria che hanno optato per il regime della trasparenza;
  • redditi di capitale relativi a utili corrisposti da società di capitale o enti commerciali;
  • redditi di lavoro autonomo non derivante da attività professionale e alcune tipologie di redditi diversi;
  • redditi di impresa derivanti da plusvalenze e/o sopravvenienze attive.

Agenzia delle Entrate: i prossimi invii

Non hai ricevuto lettere? Non cantare vittoria, si parte con un nuovo invio dopo la pausa estiva,

note

Note immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI