Diritto e Fisco | Articoli

Ragazzina violentata da un anziano col consenso dei genitori: no patteggiamento

9 marzo 2012


Ragazzina violentata da un anziano col consenso dei genitori: no patteggiamento

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 marzo 2012



Cassazione: niente patteggiamento se il reato è di estrema gravità come quello di stupro.

La Cassazione [1] ha detto stop alla possibilità per gli imputati di chiedere il patteggiamento in presenza di crimini particolarmente efferati: come nel caso dello stupro, ripetuto per cinque mesi, ai danni di una giovane ragazzina. Nel caso deciso dalla Corte, il violentatore era un ultra settantenne che aveva agito con l’accordo dei genitori della vittima.

L’uomo, dopo la denuncia, aveva risarcito il danno e richiesto il rito sommario del patteggiamento (consiste in un accordo tra il difensore e la pubblica accusa, teso a procurare all’imputato una riduzione di pena o un’imputazione meno grave, in cambio della sua ammissione di colpevolezza).

I giudici, tuttavia, hanno rigettato l’istanza alla luce della gravità del fatto e della notevole differenza di età tra l’imputato e la parte lesa.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 9176 dell’8 marzo 2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI