Diritto e Fisco | Articoli

Genitori assegnati in affidamento alla figlia di quattro anni

9 marzo 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 marzo 2012



Casa familiare assegnata al figlio minore e i genitori si alternano nell’abitazione: l’originale sentenza del Tribunale di Trieste.

Mai finora era uscita una sentenza, in tema di separazione, così originale: una coppia di Trieste separata ha visto assegnare dal giudice la propria casa alla figlia minore di quattro anni [1].

Genitori messi quindi a dura prova: pur se comproprietari dell’abitazione in cui prima convivevano, hanno dovuto soccombere all’aspra e inusuale decisione.

La sentenza conferma la scelta del giudice di tutelare innanzitutto l’interesse della minore, proteggendola dai continui litigi dei genitori. La bambina, infatti, è stata affidata in modo condiviso ai due “ex”, ma rimarrà nella casa a lei assegnata. In tal modo, madre e padre dovranno alternarsi nell’abitazione il lunedì mattina, una settimana ciascuno. Il genitore che di volta in volta conviverà con la piccola dovrà provvedere al suo mantenimento e alle spese quotidiane, contribuendo poi al 50% delle spese straordinarie (salute, istruzione e tempo libero).

Difficile immaginare questo provvedimento tradotto nella realtà quotidiana. Sembra piuttosto una provocazione, un modo estremo di richiamare i genitori al proprio dovere, anziché litigare.

È proprio il caso di dirlo: tra i due litiganti il terzo gode.

 

 

note

[1] Tribunale per i minorenni di Trieste, sent. del 29 febbraio 2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI