Calcolo età pensionabile

A che età posso andare in pensione? Una domanda che sempre più persone si pongono, complice i ritmi serrati e sempre più usuranti del lavoro; oggi, però, per calcolare a quale età puoi andare in pensione, puoi utilizzare il nostro tool gratuito. Tutto ciò che devi fare è inserire la categoria a cui appartieni:

– lavoratore privato;

 
– lavoratore pubblico;

 
– lavoratrice privata;

 
– lavoratrice pubblica.

 
Devi poi inserire la tua età, alla data di oggi, e gli anni di contributi versati, sempre alla data odierna.

 
Se sei stato assunto dal 1° gennaio 1996 in poi, devi mettere il flag su ” Assunto dopo il 31 dicembre 1995”.

 
A questo punto clicca su “calcola”, e saprai a quanti anni puoi andare in pensione.




I requisiti di contributi ed età per collocarsi a riposo.
Dopo la Riforma Fornero, vi sono due tipologie di trattamento: la pensione di vecchiaia e la pensione anticipata (che sostituisce quella di anzianità).

 
La pensione di vecchiaia.
 

Nel 2015, i requisiti per fruirne sono:

 
– 66 anni e 3 mesi d’età per i dipendenti privati;

 
– 63 anni e 9 mesi per le dipendenti private;

 
– 66 anni e 3 mesi per i lavoratori autonomi;

 
– 64 anni e 9 mesi per le lavoratrici autonome;

 
– 66 anni e 3 mesi per dipendenti pubblici, uomini e donne;

 
– 70 anni e 3 mesi per uomini e donne iscritti dopo il 1° gennaio 1996;

 
I requisiti d’età saranno innalzati di 4 mesi, a partire dal primo gennaio 2016.

 
Inoltre, per tutti sarà necessario aver versato almeno 20 anni di contributi, ed un importo del trattamento pari a 1,5 volte l’assegno sociale. Sono esclusi solo i soggetti con contributi accreditati dal 1996 in poi, per i quali bastano 5 anni.
 
 
La pensione di anzianità.

 
Nel 2015, i requisiti per fruirne sono:
 

– 42 anni e 6 mesi di contribuzione versata per gli uomini;

 
– 41 anni e 6 mesi per le donne.

 
Nessuna penalità, per chi non ha ancora compiuto 62 anni, sino al 31 dicembre 2017.
 

 
Come si calcola la pensione

 
Calcolo con il metodo retributivo o reddituale: si basa sulle ultime retribuzioni e sulle settimane di contribuzione versate.

 
Calcolo con il metodo contributivo: si basa su tutti i contributi accreditati e sull’età pensionabile.

 
Per chi ha più di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995:

 
– calcolo della pensione con il metodo retributivo sino al 31 dicembre 2011, dal 1° gennaio 2012 calcolo contributivo.

 
Per chi ha meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995:

 
– calcolo della pensione con il metodo retributivo sino al 31 dicembre 1995, dal 1° gennaio 1996 calcolo contributivo.

 
Per chi non ha contributi versati prima del 1996:

 
– calcolo esclusivamente contributivo.
 
 
Eccezioni nel calcolo della pensione e nei requisiti per pensionarsi.
Le deroghe sono molto numerose: Opzione Donna, Salvacondotto per i nati nel 1951 e 52, Deroga Amato, possessori d’Invalidità ed Handicap, Totalizzazione, Salvaguardie, Lavori Usuranti…
 
SE VUOI CALCOLARE L’IMPORTO DELLA TUA PENSIONE VAI A QUESTA PAGINA
 

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI