Codice antimafia Agg. il 23 Ottobre 2015

Art. 15 codice antimafia: Rapporti dell’obbligo di soggiorno con la detenzione, le misure di sicurezza e la libertà vigilata

codice-antimafia

Codice antimafia Agg. il 23 Ottobre 2015



1. Il tempo trascorso in custodia cautelare seguita da condanna o in espiazione di pena detentiva, anche se per effetto di conversione di pena pecuniaria, non e’ computato nella durata dell’obbligo del soggiorno.

2. L’obbligo del soggiorno cessa di diritto se la persona obbligata e’ sottoposta a misura di sicurezza detentiva. Se alla persona obbligata a soggiornare e’ applicata la liberta’ vigilata, la persona stessa vi e’ sottoposta dopo la cessazione dell’obbligo del soggiorno.

((*))

————-

AGGIORNAMENTO (*)

La Corte Costituzionale, con sentenza 2 – 6 dicembre 2013, n. 291 (in G.U. 1a s.s. 11/12/2013, n. 50), ha dichiarato “in applicazione dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l’illegittimita’ costituzionale dell’art. 15 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche’ nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136), nella parte in cui non prevede che, nel caso in cui l’esecuzione di una misura di prevenzione personale resti sospesa a causa dello stato di detenzione per espiazione di pena della persona ad essa sottoposta, l’organo che ha adottato il provvedimento di applicazione debba valutare, anche d’ufficio, la persistenza della pericolosita’ sociale dell’interessato nel momento dell’esecuzione della misura”.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube