Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 111 codice della strada: Revisione delle macchine agricole in circolazione

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1. Al fine di garantire adeguati livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro e nella circolazione stradale, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, con decreto da adottare entro e non oltre il 31 dicembre 2014, dispone la revisione obbligatoria delle macchine agricole soggette ad immatricolazione a norma dell’articolo 110, al fine di accertarne lo stato di efficienza e la permanenza dei requisiti minimi di idoneità per la sicurezza della circolazione. Con il medesimo decreto è disposta, a far data dal 30 giugno 2015, la revisione obbligatoria delle macchine agricole in circolazione soggette ad immatricolazione in ragione del relativo stato di vetustà e con precedenza per quelle immatricolate antecedentemente al 1º gennaio 2009, e sono stabiliti, d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, i criteri, le modalità ed i contenuti della formazione professionale per il conseguimento dell’abilitazione all’uso delle macchine agricole, in attuazione di quanto disposto dall’articolo 73 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

2. Gli uffici della Direzione generale della M.C.T.C., qualora sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti di cui al comma 1, possono ordinare in qualsiasi momento la revisione di singole macchine agricole.

3. Nel regolamento sono stabilite le procedure, i tempi e le modalità delle revisioni di cui al presente articolo, nonché, ove ricorrano, i criteri per l’accertamento dei requisiti minimi d’idoneità cui devono corrispondere le macchine agricole in circolazione e del loro stato di efficienza.

4. Il Ministro dei trasporti e della navigazione, con decreto emesso di concerto con il Ministro per le politiche agricole (1), può modificare la normativa prevista dal presente articolo in relazione a quanto stabilito in materia da disposizioni della Comunità economica europea.

5. Alle macchine agricole, di cui al comma 1 si applicano le disposizioni dell’art. 80, comma 7.

6. Chiunque circola su strada con una macchina agricola che non è stata presentata alla revisione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. Da tale violazione discende la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della carta di circolazione o del certificato di idoneità tecnica, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI.

(1) Così modificato per l’art. 2, d.legisl. 4 giugno 1997, n. 143.

Commento

Quando hai acquistato la tua macchina, hai sempre saputo che prima o poi sarebbe arrivato il momento di revisonarla. Ogni 2 anni, infatti, ti rechi presso il tuo centro revisioni di fiducia per sottoporre la macchina al controllo periodico volto ad accertare che il veicolo sia in condizioni di massima efficienza, in modo da garantire le condizioni di sicurezza, silenziosità e rispetto dei limiti di emissione dei gas di scarico. In particolare, il controllo tecnico del veicolo riguarda principalmente i dispositivi di frenatura, l'impianto elettrico, il telaio, le condizioni di visibilità, il livello di emissioni nocive.

L'obbligo della revisione riguarda tutti i veicoli a motore e i loro rimorchi, comprese le macchine agricole. Le macchine agricole, infatti, sono considerate dal codice della strada come veicoli a tutti gli effetti: anche se possono circolare su strada solo per essere trasferite da un luogo all'altro e per trasportare i prodotti agricoli e forestali, gli addetti all'attività agricola e forestale e le attrezzature necessarie per lo svolgimento di queste ultime, le macchine agricole devono rispettare tutte le regole imposte dalla legge per essere considerate idonee alla circolazione.

Questo implica che anche le macchine agricole, oltre a possedere l'apposito documento di circolazione (carta di circolazione o certificato di idoneità tecnica alla circolazione, a seconda che debbano essere o meno immatricolate), devono rispettare le norme relative alla loro costruzione ed essere equipaggiate con i dispositivi obbligatori indicati dalla legge per poter circolare.

L'art. 111 del codice della strada, dunque, prevede che anche le macchine agricole siano sottoposte alla revisione periodica per garantire adeguati livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro e nella circolazione stradale. Dobbiamo subito chiarire, tuttavia, che questa norma non ha trovato ancora piena attuazione. La questione relativa alla revisione delle macchine agricole in circolazione, infatti, è ancora oggetto di regolamentazione da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. In pratica, nessuna delle macchine agricole in circolazione è stata mai sottoposta a revisione!

Al momento, comunque, sappiamo che la revisione delle macchine agricole dovrebbe avvenire ogni 5 anni e che:

  • entro giugno 2021, bisognerà sottoporre a revisione per la prima volta le macchine agricole immatricolate entro il 31 dicembre 1983;
  • entro giugno 2022, bisognerà sottoporre a revisione per la la prima volta le macchine agricole immatricolate entro il 31 dicembre 1995;
  • entro giugno 2023, bisognerà sottoporre a revisione per la prima volta le macchine agricole immatricolate entro il 31 dicembre 2018;
  • per quanto riguarda le macchine agricole immatricolate a partire dal 1° gennaio 2019, invece, saranno presumibilmente sottoposte a revisione per la prima volta nel 2024.

Non è stato chiarito, tuttavia, chi sono i soggetti autorizzati a revisionare le macchine agricole e quali sono le parti dei veicoli che saranno sottoposte al controllo tecnico.

L'art. 111 del codice della strada, comuqnue, stabilisce quali sono le macchine agricole che devono essere sottoposte alla revisione periodica e quali sono le sanzioni per chi si sottrae a tale obbligo.

Quali sono le macchine agricole che devono essere revisionate?

Non tutte le macchine agricole devono essere revisionate! In proposito, l'art. 111 del codice della strada stabilisce che le macchine agricole sottoposte all'obbligo di revisione sono solo quelle soggette ad immatricolazione.

Le macchine agricole, infatti, si dividono in macchine agricole semoventi e macchine agricole trainate. Alla categoria delle macchine agricole semoventi appartengono le trattrici agricole, le macchine agricole operatrici semoventi a due o più assi e le macchine agricole operatrici semoventi ad un asse. Alla categoria delle macchine agricole trainate, invece, appartengono le macchine agricole operatrici trainate e i rimorchi agricoli.

Le macchine agricole soggette ad immatricolazione e, dunque, all'obbligo di revisione periodica sono:

  • le trattrici agricole;
  • le macchine agricole operatrici semoventi a due o più assi;
  • i rimorchi agricoli con massa complessiva superiore a 1,5 tonnellate.

Le macchine agricole operatrici semoventi ad un asse, le macchine agricole operatrici trainate e i rimorchi agricoli con massa complessiva a pieno carico non superiore a 1,5 tonnellate, invece, non sono soggette ad immatricolazione e, pertanto, non devono essere revisionate.

Quali sono le sanzioni previste dall'art. 111 del codice della strada?

Per quanto riguarda le sanzioni previste per chi circola su strada con una macchina agricola che non è stata presentata alla revisione, dobbiamo chiarire che al momento difficilmente esse potrebbero essere applicate dagli organi di polizia nel corso di un controllo. Infatti, pur volendo, non essendo state spiegate le modalità con cui deve avvenire la revisione delle macchine agricole, non sarebbe possibile revisionarle!

Le sanzioni previste, comunque, consistono nel pagamento di una multa di importo compreso da 87 a 345 euro e nel ritiro della carta di circolazione o del certificato di idoneità tecnica.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA