Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 153 codice della strada: Uso dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione dei veicoli a motore e dei rimorchi

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1. Da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere ed anche di giorno nelle gallerie, in caso di nebbia, di caduta di neve, di forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità, durante la marcia dei veicoli a motore e dei veicoli trainati, si devono tenere accese le luci di posizione, le luci della targa e, se prescritte, le luci di ingombro. In aggiunta a tali luci, sui veicoli a motore, si devono tenere accesi anche i proiettori anabbaglianti. Salvo quanto previsto dal comma 3 i proiettori di profondità possono essere utilizzati fuori dei centri abitati quando l’illuminazione esterna manchi o sia insufficiente. Peraltro, durante le brevi interruzioni della marcia connesse con le esigenze della circolazione, devono essere usati i proiettori anabbaglianti. (1)

2. I proiettori di profondità non devono essere usati fuori dei casi rispettivamente previsti nel comma 1. Di giorno, in caso di nebbia, fumo, foschia, nevicata in atto, pioggia intensa, i proiettori anabbaglianti e quelli di profondità possono essere sostituiti da proiettori fendinebbia anteriori. Inoltre sui veicoli che trasportano feriti o ammalati gravi si devono tenere accesi i proiettori anabbaglianti di giorno in ogni caso e nelle ore e nei casi indicati dal comma 1, nei centri abitati anche se l’illuminazione pubblica sia sufficiente. (1)

3. I conducenti devono spegnere i proiettori di profondità passando a quelli anabbaglianti nei seguenti casi:

a) quando stanno per incrociare altri veicoli, effettuando la commutazione delle luci alla distanza necessaria affinché i conducenti dei veicoli incrociati possano continuare la loro marcia agevolmente e senza pericolo;

b) quando seguono altro veicolo a breve distanza, salvo che l’uso dei proiettori di profondità avvenga brevemente in modo intermittente per segnalare al veicolo che precede l’intenzione di sorpassare;

c) in qualsiasi altra circostanza se vi sia pericolo di abbagliare gli altri utenti della strada ovvero i conducenti dei veicoli circolanti su binari, su corsi d’acqua o su altre strade contigue.

4. È consentito l’uso intermittente dei proiettori di profondità per dare avvertimenti utili al fine di evitare incidenti e per segnalare al veicolo che precede l’intenzione di sorpassare. Tale uso è consentito durante la circolazione notturna e diurna e, in deroga al comma 1, anche all’interno dei centri abitati. (1)

5. Nei casi indicati dal comma 1, ad eccezione dei velocipedi e dei ciclomotori a due ruote e dei motocicli, l’uso dei dispositivi di segnalazione visiva è obbligatorio anche durante la fermata o la sosta, a meno che il veicolo sia reso pienamente visibile dall’illuminazione pubblica o venga collocato fuori dalla carreggiata. Tale obbligo sussiste anche se il veicolo si trova sulle corsie di emergenza. (1)

6. Nei centri abitati e nelle ore e nei casi indicati nel comma 1, durante la sosta al margine della carreggiata, i veicoli a motore, e loro rimorchi se agganciati, aventi lunghezza non superiore a 6 m e larghezza non superiore a 2 m possono essere segnalati, utilizzando in luogo delle luci di posizione, le luci di sosta poste dalla parte del traffico. (1)

7. I conducenti dei veicoli a motore devono azionare la segnalazione luminosa di pericolo:

a) nei casi di ingombro della carreggiata;

b) durante il tempo necessario a collocare e riprendere il segnale mobile di pericolo ove questo sia necessario;

c) quando per avaria il veicolo è costretto a procedere a velocità particolarmente ridotta;

d) quando si verifichino improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;

e) in tutti i casi in cui la fermata di emergenza costituisce pericolo anche momentaneo per gli altri utenti della strada.

8. In caso di nebbia con visibilità inferiore a 50 m, di pioggia intensa o di fitta nevicata in atto deve essere usata la luce posteriore per nebbia, qualora il veicolo ne sia dotato.

9. È vietato l’uso di dispositivi o di altre fonti luminose diversi da quelli indicati nell’art. 151.

10. Chiunque viola la disposizione del comma 3 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335.

11. Chiunque viola le altre disposizioni del presente articolo ovvero usa impropriamente i dispositivi di segnalazione luminosa è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 a euro 168.

(1) Comma modificato dal decreto-legge n. 151/2003, conv. con legge n. 214 del 1° agosto 2003.

Commento

Come certamente saprai, tutti i veicoli devono essere muniti di una serie di dispositivi di equipaggiamento obbligatori che ci consentono di circolare in sicurezza. Tra questi, oltre ai sistemi di frenatura o ai dispositivi di segnalazione acustica per esempio, rientrano anche i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione. In proposito, capire quali sono le regole relative al loro utilizzo è fondamentale, soprattutto per evitare di causare incidenti stradali che potrebbero avere conseguenze spiacevoli e, in alcuni casi, anche molto gravi.

L'art. 153 del codice della strada si occupa proprio di stabilire quali sono le regole relative all'uso dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione dei veicoli a motore e dei rimorchi. Nello specifico, la norma chiarisce quali sono i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione che devono essere obbligatoriamente usati sia di giorno che di notte, come devono essere usati i proiettori di profondità e quando bisogna azionare la segnalazione luminosa di pericolo.

Quali sono i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione che bisogna obbligatoriamente usare?

L'art. 153 del codice della strada prevede, innanzitutto, l'obbligo di utilizzare le luci di posizione, le luci della targa e, se prescritte, le luci di ingombro:

  • di notte e, in particolare, da mezz'ora dopo il tramonto del sole a mezz'ora prima del suo sorgere;
  • di giorno, nelle gallerie, in caso di nebbia, di caduta di neve, di forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità.

Negli stessi casi, inoltre, è obbligatorio anche l'utilizzo dei proiettori anabbaglianti. Bisogna ricordare, infine, che l'obbligo di tenere accesi i proiettori anabbaglianti è previsto pure di giorno quando si circola fuori dai centri abitati.

Quali sono le regole di utilizzo dei proiettori di profondità?

I proiettori di profondità, che comunemente definiamo "abbaglianti", non possono essere usati in qualunque circostanza. L'art. 153 del codice della strada, pertanto, stabilisce in primo luogo che i proiettori di profondità possono essere utilizzati quando si circola fuori dai centri abitati, nel caso in cui l'illuminazione della strada manca o risulta insufficiente.

Tuttavia, anche se l'illuminazione esterna manca o è insufficiente, i proiettori di profondità devono essere spenti, azionando di conseguenza i proiettori anabbaglianti, quando:

  • si stanno per incrociare altri veicoli, in modo da evitare che i proiettori di profondità possano abbagliare il conducente del veicolo che sopraggiunge dalla direzione opposta alla nostra;
  • si procede seguendo a breve distanza un altro veicolo;
  • vi è il pericolo di abbagliare gli altri utenti della strada.

L'art. 153 del codice della strada, comunque, in deroga alle regole che abbiamo appena visto, prevede la possibilità di usare i proiettori di profondità brevemente e in modo intermittente anche di giorno e nei centri abitati:

  • per dare avvertimenti utili al fine di evitare incidenti;
  • per segnalare al veicolo che precede l'intenzione di sorpassare.

Quando si deve azionare la segnalazione luminosa di pericolo?

La segnalazione luminosa di pericolo, ossia la contemporanea accensione di tutti e quattro gli indicatori di direzione, deve essere azionata nei seguenti casi:

  • quando si deve segnalare la presenza di un ingombro sulla carreggiata;
  • durante il tempo necessario a collocare e riprendere il segnale mobile di pericolo ove questo sia necessario;
  •  quando per avaria il veicolo è costretto a procedere a velocità particolarmente ridotta;
  • quando si verifichino improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;
  • in tutti i casi in cui l'eventuale fermata di emergenza costituisce pericolo anche momentaneo per gli altri utenti della strada.

Quali sono le sanzioni previste dall'art. 153 del codice della strada?

L'art. 153 del codice della strada sanziona:

  • i conducenti dei veicoli che non spengono i proiettori di profondità passando a quelli anabbaglianti nei casi che abbiamo elencato prima, con il pagamento di una somma da euro 87 a euro 345;
  • i conducenti dei veicoli che utilizzano i dispositivi si segnalazione visiva e di illuminazione impropriamente e che, in generale, violano le regole relative al loto utilizzo, con il pagamento di una somma da euro 42 a euro 173.

Giurisprudenza annotata

La Suprema Corte ha chiarito che l'art. 153 del codice della strada nulla dispone a proposito dell'utilizzo dei fari fendinebbia in orario notturno, disponendo solo a proposito dell'utilizzo degli stessi di giorno quando ne ricorrono le condizioni. Pertanto, secondo la Corte, siccome la norma non lo vieta, deve ritenersi consentita l'uso dei fari fendinebbia anche di notte insieme ai fari anabbaglianti.

Cass. sent. n. 534/2010 

La Corte di Cassazione ha stabilito che commette una violazione dell'art. 153 del codice della strada il onducente del veicolo che, accingendosi ad eseguire una manovra di sorpasso su una strada posta all'esterno del centro abitato e priva di illuminazione, non faccia uso intermittente dei proiettori di profondità al fine di accertare la possibilità di effettuare la manovra e di avvertire gli altri veicoli.

Cass. sent. n. 40914/2008



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA