Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 162 codice della strada: Segnalazione di veicolo fermo

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1. Fatti salvi gli obblighi di cui all’art. 152, fuori dei centri abitati i veicoli, esclusi i velocipedi, i ciclomotori a due ruote e i motocicli, che per qualsiasi motivo siano fermi sulla carreggiata, di notte quando manchino o siano inefficienti le luci posteriori di posizione o di emergenza e, in ogni caso, anche di giorno, quando non possono essere scorti a sufficiente distanza da coloro che sopraggiungono da tergo, devono essere presegnalati con il segnale mobile di pericolo, di cui i veicoli devono essere dotati. Il segnale deve essere collocato alla distanza prevista dal regolamento.

2. Il segnale mobile di pericolo è di forma triangolare, rivestito di materiale retroriflettente e munito di un apposito sostegno che ne consenta l’appoggio sul piano stradale in posizione pressoché verticale in modo da garantirne la visibilità.

3. Nel regolamento sono stabilite le caratteristiche e le modalità di approvazione del segnale. Il triangolo deve essere conforme al modello approvato e riportare gli estremi dell’approvazione.

4. Qualora il veicolo non sia dotato dell’apposito segnale mobile di pericolo, il conducente deve provvedere in altro modo a presegnalare efficacemente l’ostacolo.

4-bis. Nei casi indicati dal comma 1 durante le operazioni di presegnalazione con il segnale mobile di pericolo devono essere utilizzati dispositivi retroriflettenti di protezione individuale per rendere visibile il soggetto che opera. Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono stabilite le caratteristiche tecniche e le modalità di approvazione di tali dispositivi.

4-ter. A decorrere dal 1° aprile 2004, nei casi indicati al comma 1 è fatto divieto al conducente di scendere dal veicolo e circolare sulla strada senza aver indossato giubbotto o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. Tale obbligo sussiste anche se il veicolo si trova sulle corsie di emergenza o sulle piazzole di sosta. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanare entro il 31 ottobre 2003, sono stabilite le caratteristiche dei giubbotti e delle bretelle.

5. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 ad euro 169.

COMMENTO

L’art. 162 del codice della strada si occupa di prescrivere i comportamenti che i conducenti devono adottare per segnalare la presenza degli autoveicoli nel caso in cui, per qualsiasi motivo, i medesimi siano fermi sulla carreggiata fuori dai centri abitati, disponendo anche un’apposita sanzione amministrativa pecuniaria in conseguenza della violazione delle suddette disposizioni.

Che cosa bisogna fare per segnalare la presenza di un veicolo fermo sulla carreggiata?

Sicuramente, almeno una volta, mentre ti trovavi tranquillamente alla guida della tua automobile, ti sarà capitato di doverti fermare a causa di un guasto al motore o per via di un pneumatico bucato che necessita di essere sostituito. La tua auto ferma potrebbe costituire un ostacolo per gli altri automobilisti, al punto da poter provocare incidenti anche molto gravi; ma, anche tu, una volta sceso del veicolo per tentare di risolvere il problema, potresti esporti al grave pericolo di essere investito. Per queste ragioni, è necessario adottare specifici accorgimenti, oltre all’obbligo di usare le luci di posizione, le luci della targa e le luci d’ingombro, per fare in modo che gli altri automobilisti ricevano un’adeguata segnalazione del veicolo fermo, affinché possano adottare un comportamento prudente e sicuro, moderando la loro velocità.

Innanzitutto, se il tuo veicolo è in panne o ti accorgi di una foratura del pneumatico o, comunque, per qualsiasi altra ragione, sei costretto a fermare il tuo veicolo di notte, e le luci posteriori di posizione o di emergenza mancano o sono insufficienti, dovrai presegnalare che il tuo veicolo è fermo sulla carreggiata attraverso il segnale mobile di pericolo, di cui tutti le automobili devono essere dotati.

Il segnale mobile di pericolo deve essere utilizzato anche di giorno, per segnalare che la tua auto è ferma sulla carreggiata, quando non può essere vista ad una distanza di cento metri dai conducenti che sopraggiungono da dietro, perché, per esempio, c’è nebbia o perché la tua auto si è bloccata in curva.

Il segnale mobile di veicolo deve essere utilizzato anche nel caso in cui dal tuo veicolo sia caduto un carico che non può essere rimosso immediatamente. In ogni caso, una volta rimosso il veicolo o il carico, dovrai occuparti di rimuovere anche il segnale medesimo.

In che cosa consiste il segnale mobile di pericolo e come deve essere posizionato?

Il segnale mobile di pericolo consiste in un segnale di forma triangolare di colore rosso; esso è rivestito di materiale retroriflettente, ossia con un materiale che, colpito dalla luce naturale o artificiale, ne aumenta la visibilità; deve essere dotato, inoltre, di un apposito supporto che permetta all’automobilista di posizionarlo facilmente in posizione verticale.

Il segnale mobile di pericolo, la cui altezza non deve superare gli ottanta centimetri, deve essere collocato sulla pavimentazione stradale, dietro il veicolo fermo, ad una distanza di almeno cinquanta metri dal veicolo stesso ed in modo che il segnale possa essere visibile ad una distanza di cento metri dagli altri automobilisti sopraggiungenti. Tuttavia, se prima dei cinquanta metri, è collocata una curva, dovrai posizionare il triangolo in maniera tale che sia facilmente visibile. Naturalmente, dovrai collocare il segnale mobile di pericolo sulla carreggiata già occupata dal veicolo e ad almeno un metro dal bordo esterno della carreggiata in modo da non costituire ulteriore pericolo per gli altri conducenti.

Se la tua auto non dovesse essere munita del triangolo, dovrai comunque provvedere a presegnalare il veicolo fermo, facendo ricorso agli strumenti a tua disposizione. Naturalmente, anche la tua presenza fuori dal veicolo dovrà essere debitamente segnalata: è previsto, infatti, che, al fine di posizionare il segnale mobile di pericolo o, comunque, se è richiesto che tu e gli altri passeggeri scendiate dall’auto, si indossino il giubbotto o le bretelle retroriflettenti.

Qual è la sanzione amministrativa pecuniaria prevista in conseguenza della violazione delle disposizioni sulla segnalazione dei veicoli fermi?

Nel caso in cui la tua auto dovesse fermarsi e tu ometta di segnalarne la presenza attraverso il segnale mobile di pericolo, oppure sei sorpreso fuori dall’auto senza indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti, è previsto il pagamento di una multa di importo compreso tra i 41 euro e i 169 euro a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria.

GIURISPRUDENZA

La Suprema Corte, in riferimento ad un caso di omicidio colposo, ha stabilito che sussiste la responsabilità penale dell’automobilista che, nonostante il veicolo fermo sulla carreggiata, aveva omesso di segnalarne la presenza con il segnale mobile di pericolo cosiddetto “triangolo”, ai sensi dell’art. 162 Codice della Strada, provocando così un incidente mortale.

Cass. sent. n. 7950/2014

La Corte di Cassazione ha stabilito che il giubbotto retroriflettente deve essere sempre utilizzato ogni qual volta il veicolo sia fermo sulla carreggiata in situazione di scarsa visibilità e gli occupanti dell’automobile, ossia il conducente ed i passeggeri, siano costretti a scendere dall’auto.

Cass. sent. n. 17451/2011



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA