Questo sito contribuisce alla audience di
 

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 57 codice della strada: Macchine agricole

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1.  Le macchine agricole sono macchine a ruote o a cingoli destinate ad essere impiegate nelle attività agricole e forestali e possono, in quanto veicoli, circolare su strada per il proprio trasferimento e per il trasporto per conto delle aziende agricole e forestali di prodotti agricoli e sostanze di uso agrario, nonché di addetti alle lavorazioni; possono, altresì, portare attrezzature destinate alla esecuzione di dette attività. E’ consentito l’uso delle macchine agricole nelle operazioni di manutenzione e tutela del territorio.
2.  Ai fini della circolazione su strada le macchine agricole si distinguono in: 
a)  Semoventi: 1)  trattrici agricole: macchine a motore con o senza piano di carico munite di almeno due assi, prevalentemente atte alla trazione, concepite per tirare, spingere, portare prodotti agricoli e sostanze di uso agrario nonché azionare determinati strumenti, eventualmente equipaggiate con attrezzature portate o semiportate da considerare parte integrante della trattrice agricola; 2)  macchine agricole operatrici a due o più assi: macchine munite o predisposte per l’applicazione di speciali apparecchiature per l’esecuzione di operazioni agricole; 3)  macchine agricole operatrici ad un asse: macchine guidabili da conducente a terra, che possono essere equipaggiate con carrello separabile destinato esclusivamente al trasporto del conducente. La massa complessiva non può superare 0,7 t compreso il conducente; 
b)  Trainate: 1)  macchine agricole operatrici: macchine per l’esecuzione di operazioni agricole e per il trasporto di attrezzature e di accessori funzionali per le lavorazioni meccanico-agrarie, trainabili dalle macchine agricole semoventi ad eccezione di quelle di cui alla lettera a), n. 3); 2)  rimorchi agricoli: veicoli destinati al carico e trainabili dalle trattrici agricole; possono eventualmente essere muniti di apparecchiature per lavorazioni agricole; qualora la massa complessiva a pieno carico non sia superiore a 1,5 t, sono considerati parte integrante della trattrice traente.
3.  Ai fini della circolazione su strada, le macchine agricole semoventi a ruote pneumatiche o a sistema equivalente non devono essere atte a superare, su strada orizzontale, la velocità di 40 km/h; le macchine agricole a ruote metalliche, semi pneumatiche o a cingoli metallici, purché muniti di sovrapattini, nonché le macchine agricole operatrici ad un asse con carrello per il conducente non devono essere atte a superare, su strada orizzontale, la velocità di 15 km/h.
4.  Le macchine agricole di cui alla lettera a), numeri 1 e 2, e di cui alla lettera b), n. 1, possono essere attrezzate con un numero di posti per gli addetti non superiore a tre, compreso quello del conducente; i rimorchi agricoli possono essere adibiti per il trasporto esclusivo degli addetti, purché muniti di idonea attrezzatura non permanente.

COMMENTO

L’art. 57 del codice della strada definisce le macchine operatrici: possono essere a ruote oppure a cingoli, e sono destinate ad essere impiegate in attività agricole o forestali. Le macchine agricole sono sottoposte alla disciplina del codice della strada perchè possono circolare su strada, ed anche trasportare persone; tutto ciò a determinate condizioni che la norma in esame prescrive e che ora andremo ad esaminare.

Quali sono le categorie di macchine agricole?

Il codice della strada distingue le macchine agricole nelle seguenti categorie:

semoventi: sono dotate di motore e servono alla trazione di prodotti o strumenti per uso agrario, come le trattrici, ed anche le macchine predisposte per applicarvi apparecchiature che servono ad eseguire operazioni agricole, come ad esempio le falciatrici e le trebbiatrici. 

trainate: servono ad eseguire determinate operazioni agricole, alle quali sono predisposte, come le imballatrici e le seminatrici; in questa categoria rientrano anche i rimorchi, destinati al carico di prodotti o attrezzature e trainati dalle macchine trattrici.

Che requisiti occorrono per circolare su strada?

Le macchine agricole ed anche i rimorchi, per poter circolare su strada, sono soggetti all’immatricolazione ed al rilascio di carta di circolazione, a cura del competente ufficio della MCTC (Motorizzazione Civile) quando abbiano massa complessiva a pieno carico superiore ad 1,5 tonnellate; per quelle di peso inferiore oppure ad un solo asse è sufficiente il certificato di idoneità tecnica.

La circolazione senza tali documenti è sanzionata in via amministrativa con il pagamento di una somma da 169 a 679 euro.

L’immatricolazione e l’intestazione delle macchine agricole potrà essere effettuata direttamente al produttore agricolo o anche a nome di una azienda agricola, se validamente costituita ed iscritta al Registro delle imprese.

Il codice dispone che le macchine agricole dotate di ruote pneumatiche (quelle comunemente definite “gomme”) o di sistema equivalente non devono superare il limite di velocità di 40 km orari su strada orizzontale, mentre quelle dotate di ruote metalliche, di ruote semipneumatiche (come le gomme “piene”) o di cingoli hanno il limite massimo di 15 km orari, al pari di quelle monoasse e dotate di carrello per il trasporto del conducente. 

Per il traino di macchine agricole valgono le specifiche disposizioni dell’art. 105 del codice della strada. Inoltre, in ogni caso di circolazione che avvenga su strada dovranno essere rispettate le norme del codice della strada per le sagome sporgenti, applicando quindi le segnalazioni prescritte dal codice della strada, consistenti nelle apposite luci e pannelli.

Nella parte posteriore della macchina agricola circolante su strada dovrà essere apposto l’apposito cartello contrassegno di omologazione, che indica la velocità massima consentita, altrimenti scatterà la sanzione pecuniaria amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 ad euro 99, prevista dall’art. 142, comma 10, del codice della strada.

Le macchine agricole circolanti su strada dovranno essere munite di copertura assicurativa e precisamente di assicurazione per la responsabilità civile verso terzi, al pari di tutti i veicoli a motore; l’unica eccezione è costituita dalla categoria delle trainate (quando il rimorchio sarà agganciato ad una trattrice agricola, rientrante nella categoria delle semoventi, l’assicurazione di questa coprirà anche il rimorchio trainato).

Come e quando possono trasportare persone?

Anche se le macchine agricole sono normalmente destinate alle lavorazioni, è ammesso il trasporto di persone, nel caso in cui esse siano state attrezzate con un numero di posti per gli addetti, che comunque non potrà superare il limite massimo di tre persone, compreso il conducente. 

Questa regola però vale per la categoria delle macchine agricole semoventi, come le trattrici, mentre le macchine operatrici rientranti nella categoria delle trainate, come i rimorchi, potranno essere adibiti interamente al trasporto di persone, purchè siano omologate e rispettino le specifiche prescrizioni di sicurezza previste per lo specifico mezzo.

In ogni caso, è vietato:

– il trasporto di persone in piedi

– il trasporto promiscuo, ossia di persone o cose insieme (es. prodotti agricoli)

– il trasporto al di fuori del tragitto tra l’azienda agricola ed i campi di raccolta

– il superamento dei limiti di numero di persone o di massa (peso) prescritto dalla carta di circolazione.

Infatti, anche per i rimorchi agricoli la carta di circolazione rilasciata dovrà prevedere espressamente sia il numero di persone trasportabili ed anche l’eventuale attrezzatura prevista. Inoltre, sulla carta di circolazione del rimorchio devono essere indicate le targhe delle trattrici alle quali lo stesso può essere agganciato, il che comporta che è vietato il loro traino con trattrici diverse. 

Infine, occorre ricordare che le macchine agricole, ai sensi dell’art. 57 del codice della strada che abbiamo esaminato, rimangono sempre destinate all’impiego esclusivo nelle attività agricole e forestali, quindi il trasporto di persone consentito sarà necessariamente limitato ai soli addetti a tali lavorazioni e non potrà comprendere altri soggetti.

 

 

 

 

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA