Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 74 codice della strada: Dati di identificazione

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1. I ciclomotori, i motoveicoli, gli autoveicoli, i filoveicoli e i rimorchi devono avere per costruzione:

a) una targhetta di identificazione, solidamente fissata al veicolo stesso;

b) un numero di identificazione impresso sul telaio, anche se realizzato con una struttura portante o equivalente, riprodotto in modo tale da non poter essere cancellato o alterato.

2. La targhetta e il numero di identificazione devono essere collocati in punti visibili, su una parte del veicolo che normalmente non sia suscettibile di sostituzione durante l’utilizzazione del veicolo stesso.

3. Nel caso in cui il numero di identificazione del telaio o della struttura portante sia contraffatto, alterato, manchi o sia illeggibile, deve essere riprodotto, a cura degli uffici della Direzione generale della M.C.T.C., un numero distintivo, preceduto e seguito dal marchio con punzone dell’ufficio stesso.

4. Nel regolamento sono stabilite le caratteristiche, le modalità di applicazione e le indicazioni che devono contenere le targhette di identificazione, le caratteristiche del numero di identificazione, le caratteristiche e le modalità di applicazione del numero di ufficio di cui al comma 3.

5. Qualora le norme del regolamento si riferiscano a disposizioni oggetto di direttive comunitarie, le prescrizioni tecniche sono quelle contenute nelle predette direttive; è fatta salva la facoltà per gli interessati di chiedere, per l’omologazione, l’applicazione delle corrispondenti prescrizioni tecniche contenute nei regolamenti e nelle raccomandazioni emanate dall’Ufficio europeo per le Nazioni Unite – Commissione economica per l’Europa, recepite dal Ministro dei trasporti e della navigazione.

6. Chiunque contraffà, asporta, sostituisce, altera, cancella o rende illeggibile la targhetta del costruttore, ovvero il numero di identificazione del telaio, è punito, se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 2.650 a euro 10.604 (1).

(1) Così modificato dall’art. 21, D. Legisl. 30 dic. 1999 n. 507.

Commento

E' finalmente arrivato il momento di acquistare un'auto nuova e il tuo amico ti dice che potrebbe procurarti proprio il modello dei tuoi sogni ad un prezzo davvero vantaggioso. Sei davvero sicuro che il tuo amico si sia procurato quell'auto in modo legale? Come fai ad avere la certezza che quella macchina non sia stata rubata?

Per essere certo che quella macchina non nasconda delle magagne in tal senso, la prima cosa che dovresti fare sarebbe quella di controllare il numero di telaio per verificare che non vi sia stata alcuna contraffazione o manomissione dello stesso.

L'art. 74 del codice della strada, infatti, stabilisce che i ciclomotori, i motoveicoli, gli autoveicoli, i filoveicoli e i rimorchi devono essere in possesso di una targhetta di identificazione e un numero di identificazione impresso sul telaio, ossia dei dati di identificazione obbligatori per ogni veicolo.

Che cos'è la targhetta di identificazione?

La targhetta di identificazione dei veicoli è materialmente costituita da una placca rettangolare di metallo o da un’etichetta rettangolare autoadesiva. L'art. 74 del codice della strada stabilisce che la targhetta deve essere solidamente fissata al veicolo stesso e deve essere collocata su una parte del veicolo visibile e che normalmente non viene mai sostituito durante l'utilizzazione del veicolo stesso.

La targhetta di identificazione deve riportare:

  • il nome della casa costruttrice del veicolo;
  • il numero di omologazione del veicolo intero;
  • il numero di telaio;
  • la massa massima tecnicamente ammissibile a pieno carico;
  • la massa massima tecnicamente ammissibile del veicolo combinato;
  • la massa massima tecnicamente ammissibile su ciascun asse, da quello anteriore a quello posteriore.

Che cos'è il numero di identificazione del telaio?

Il numero di identificazione del telaio (o, semplicemente, il numero di telaio) è un codice formato da 17 caratteri, tra lettere e numeri, che serve per identificare lo specifico veicolo a cui è associato. In pratica, ogni veicolo possiede un numero di telaio diverso da quello degli altri veicoli.

In particolare, il numero di telaio si suddivide in tre parti:

  1. WMI (World Manufacter Identifier). Si tratta dei primi 3 cararatteri del numero di telaio, che indicano la nazione in cui è stato costruito in veicolo e la casa costruttrice;
  2. V.D.S. (Vehicle Descriptor Section). Si tratta dei successivi caratteri (possono essere 6, 7 o 8), che indicano il modello del veicolo e in quale dei diversi stabilimenti il veicolo stesso è stato prodotto;
  3. V.I.S. (Vehicle Identifier Section). Si tratta dei rimanenti caratteri, che indicano il numero progressivo di produzione del veicolo.

Per controllare il numero di telaio basta leggere con attenzione il libretto di circolazione nel quadro 2 alla voce "E". Tuttavia, puoi trovare il numero di telaio anche sul certificato di proprietà alla sezione "Telaio". Inoltre, troverai il numero di telaio anche su alcune componenti materiali del veicolo come, per esempio, sul motore o tra cruscotto e parabrezza, sui quali dovrà essere riprodotto in modo tale da non poter essere cancellato o alterato. Esattamente come la targhetta di identificazione, anche il numero di telaio deve essere applicato in un punto visibile e su una componente del veicolo normalmente non suscettibile di sostituzione.

Conoscere il numero di telaio ti sarà molto utile anche nell'eventualità che tu debba acquistare un pezzo di ricambio. Attraverso il numero di identificazione, infatti, potrai conoscere tutte le caratteristiche tecniche e costruttive del veicolo e capire qual è il pezzo di ricambio giusto.

Quali sono le sanzioni previste dall'art. 74 del codice della strada?

Riprendiamo l'esempio che abbiamo fatto all'inizio e supponiamo che il tuo amico ti abbia procurato l'auto che sognavi: tuttavia, se il numero di telaio riportato sul libretto di circolazione non corrisponde a quello impresso sul motore oppure se il numero di telaio impresso sul motore risulta illegibile, non ti converrà affatto concludere l'affare!

L'art. 74 del codice della strada, infatti, sanziona chiunque contraffà, asporta, sostituisce, altera, cancella o rende illeggibile la targhetta del costruttore o il numero di identificazione del telaio. In particolare, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 2.733 a 10.935 euro.

Giurisprudenza annotata

La Corte di Cassazione ha stabilito che, nel caso di autocarro con targhetta di identificazione del costruttore diversa da quella risultante dalla carta di circolazione, per essere stata sostituita l'intera cabina (con la relativa targhetta originale) con un'altra cabina appartenente ad un altro autocarro, anche se regolarmente acquistata, deve ritenersi integrata la violazione prevista dall'art. 74 del codice della strada. In effetti, anche se la nuova cabina è stata regolarmente acquistata, è comunque impossibile identificare il veicolo perché la nuova cabina reca la targhetta di identificazione del veicolo dal quale la cabina è stata asportata.

Cass. sent. n. 16964/2008

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA