Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019

Art. 79 codice della strada: Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione

codice-della-strada

Codice della strada Aggiornato il 11 Febbraio 2019



1. I veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l’inquinamento entro i limiti di cui al comma 2.

2. Nel regolamento sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento cui devono corrispondere i veicoli, particolarmente per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.

3. Qualora le norme di cui al comma 2 si riferiscano a disposizioni oggetto di direttive comunitarie, le prescrizioni tecniche sono quelle contenute nelle direttive stesse.

4. Chiunque circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte, ovvero circola con i dispositivi di cui all’art. 72 non funzionanti o non regolarmente installati, ovvero circola con i dispositivi di cui all’articolo 80, comma 1, del presente codice e all’articolo 238 del regolamento non funzionanti, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. La misura della sanzione è da euro 1.174 a euro 11.741 se il veicolo è utilizzato nelle competizioni previste dagli articoli 9-bis e 9-ter. (2)

(1) Comma modificato dalla legge n. 214 del 1° agosto 2003, di conv. del decreto-legge n. 151/2003. (2) Comma modificato dalla legge 29 luglio 2010, n. 120 ( G.U. n. 175 del 29 luglio 2010 suppl. ord.).

Commento

La circolazione dei veicoli pone sempre numerosi problemi che ci coinvolgono direttamente quotidianamente: il traffico insostenibile, l'inquinamento causato dalle emissioni di anidride carbonica, la rumorosità prodotta da clacson non a norma o da marmitte alquanto datate, ecc.

Ma non è tutto, perché la circolazione dei veicoli pone soprattutto il problema della sicurezza stradale. Per garantirla, non basta che i conducenti dei veicoli rispettino tutte le regole dettate dalla segnaletica stradale e adottino la prudenza richiesta. Una circolazione che possa dirsi davvero sicura, infatti, richiede che anche i veicoli siano efficienti.

L'art. 79 del codice della strada si occupa proprio di stabilire quali sono i requisiti che ogni veicolo a motore, compresi i rimorchi, devono avere per essere considerati efficienti, chiarendo innanzitutto che l'efficienza dei veicoli a motore e dei loro rimorchi deve essere tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento.

Quali sono i requisiti di efficienza dei veicoli a motore e dei loro rimorchi?

Prima di spiegare quali sono i requisiti di efficienza dei veicoli, dobbiamo ricordare che i veicoli a motore devono essere muniti di:

  • dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione;
  • dispositivi silenziatori e di scarico se hanno il motore termico;
  • dispositivi di segnalazione acustica;
  • dispositivi retrovisori;
  • pneumatici o sistemi equivalenti.

L'art. 79 del codice della strada prevede che questi dispositivi di equipaggiamento devono rispondere alle prescrizioni tecniche previste dal regolamento di esecuzione del codice della strada [1], in particolare per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.

Circa ruote, pneumatici e sistemi equivalenti, questi devono essere perfettamente efficienti, privi di lesioni e sicuri. Il battistrada, poi, deve avere il disegno a rilievo ben visibile su tutta la sua larghezza e su tutta la sua circonferenza e la profondità degli intagli principali del battistrada dovrà essere di almeno 1,60 mm per gli autoveicoli, i filoveicoli e rimorchi, di almeno 1,00 mm per i motoveicoli e di almeno 0,50 mm per i ciclomotori.

Per quanto riguarda i dispositivi di frenatura, il regolamento del codice della strada si limita a stabilire che essi siano conformi alle indicazioni delle direttive europee e del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

A proposito dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, essi devono essere di tipo approvato per la categoria cui appartiene il veicolo e recare, ben visibili, gli estremi di approvazione. Nello specifico, in riferimento alle luci di posizione posteriori e anteriori, è prescritto che esse siano visibili ad una distanza di almeno 150 metri; in riferimento alla targa, invece, questa deve risultare leggibile da una distanza di almeno 20 metri. Sono previste, infine, ulteriori prescrizioni relative al posizionamento dei dispositivi di segnalazioni visiva e di illuminazione e all'impianto elettrico e di alimentazione.

Sui dispositivi di segnalazione acustica, è stabilito che questi devono produrre un livello sonoro soggettivo non inferiore a 80 decibel per autoveicoli, filoveicoli e motoveicoli, 75 decibel per i motocicli aventi cilindrata non superiore a 125 cmc, 70 decibel per i ciclomotori, 80 decibel per gli autobus. I dispositivi supplementari di allarme, invece, devono produrre un livello onoro soggettivo non inferiore a 90 decibel. Il dispositivo di scarico (ossia la marmitta dei veicoli), inoltre, non deve superare determinati livelli di rumorosità.

In merito ai dispositivi di limtazione delle emissioni inquinanti, il regolamento di esecuzione del codice della strada stabilisce che le emissioni inquinanti non devono superare i livelli previsti dalle direttive comunitarie.

Infine, sono previste una serie di altre prescrizioni tecniche in relazione alla carrozzeria e al telaio, che devono essere in buono stato d'uso e manutenzione, alla visibilità, prevedendo che i vetri dei veicoli non devono presentare rotture, e ai dispositivi in generale, che devono essere in perfetta efficienza.

Quali sono le sanzioni previste dall'art. 79 del codice della strada?

L'art. 79 del codice della strada sanziona chi:

  • circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte;
  • circola con i dispositivi di equipaggiamento obbligatori non funzionanti o non regolarmente installati;
  • circola con uno dei dispositivi dei veicoli oggetto di controlli in sede di revisione non funzionante.

Consideriamo, per esempio, i freni. Questi fanno parte dell'equipaggiamento obbligatorio dei veicoli. Non basta, tuttavia, che essi siano montati sul veicolo. Se, infatti, i freni non hanno le caratteristiche costruttive e funzionali richieste dalla legge, oppure, se i freni sono conformi ma non funzionano, è evidente che il veicolo su cui sono montati non potrà essere pienamente efficiente.

In tutti questi casi, è previsto il pagamento di una multa di importo compreso tra 87 e 345 euro. L'importo della multa è di importo compreso tra 1.210 e 12.108 euro se il veicolo è utilizzato per svolgere corse automobilistiche non autorizzate.

[1] Art. 238 Reg. Es. Codice della Strada



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA