Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015

Codice penale Art. 32 quater codice penale: Casi nei quali alla condanna consegue l’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione

codice-penale

Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015



Ogni condanna per i delitti previsti dagli articoli 316bis, 316ter, 317, 318, 319, 319bis, 319quater, 320, 321, 322, 322bis, 353, 355, 356, 416, 416bis, 437, 452bis, 452quater, 452sexies, 452septies, 501, 501bis, 640 numero 1 del secondo comma, 640bis, 644, nonché dall’articolo 260 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni commessi in danno o in vantaggio di un’attività imprenditoriale o comunque in relazione ad essa importa l’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione [19 n. 5] (1) (2).

Commento

(1) In sostanza, devono verificarsi due presupposti: la commissione di uno dei delitti indicati e l’operare del fatto di reato a danno o a vantaggio di un’attività imprenditoriale.

(2) Per effetto dell’estensione dell’ambito dei soggetti attivi dei reati contro la P.A. (l. 300/2000), il legislatore ha previsto la pena accessoria dell’incapacità a contrattare con la P.A. anche al reato previsto dall’art. 316ter (indebita  percezione di erogazioni a danno dello Stato) e per i casi in cui i reati siano commessi da funzionari della Comunità Europea (art. 322bis).

Giurisprudenza annotata

Pena

La pena accessoria dell'incapacità di contrattare con la p.a. può essere irrogata esclusivamente in caso di condanna per uno dei delitti elencati dall'art. 32 quater c.p. e non può dunque essere mantenuta se in appello lo specifico reato presupposto venga dichiarato estinto per l'intervenuta prescrizione, ancorché la sentenza di condanna venga confermata in relazione ad eventuali altri reati contestati all'imputato. Annulla senza rinvio, App. Caltanissetta, 02 dicembre 2008

Cassazione penale sez. fer.  08 settembre 2009 n. 35476  

 

La pena accessoria speciale di cui all'art. 32 ter c.p., consegue di diritto alla sentenza di condanna pronunciata per uno dei reati previsti dall'art. 32 quater c.p., come effetto penale della stessa ai sensi dell'art. 20 c.p.; tale pena accessoria non può essere mantenuta in caso di sentenza di condanna per un reato diverso (nel caso di specie ricettazione) non compreso nell'art. 32 quater c.p. e di contemporaneo proscioglimento dell'imputato per uno dei reati previsti dalla suddetta norma (nel caso di specie truffa aggravata ai danni di ente pubblico), anche se pronunciato a seguito di estinzione del reato per prescrizione.

Cassazione penale sez. fer.  08 settembre 2009 n. 35476  

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI