Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015

Art. 89 codice penale: Vizio parziale di mente

codice-penale

Codice penale Aggiornato il 13 febbraio 2015



Chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, era, per infermità, in tale stato di mente da scemare grandemente, senza escluderla, la capacità d’intendere o di volere (1), risponde del reato commesso; ma la pena è diminuita (2).

Commento

(1) Il vizio parziale di mente si distingue da quello totale di cui all’art. 88 esclusivamente in base ad un criterio quantitativo e non pure qualitativo in quanto ciò che rileva è il grado dell’alterazione mentale e non la sua estensione. Ne consegue che il vizio parziale di mente non è l’anomalia che interessa solo un settore della mente, ma quella che coinvolge tutta la mente in misura meno grave. D’altra parte esistono malattie mentali che pur se localizzate in un solo settore della mente sono tali da escludere completamente la capacità d’intendere o di volere (si pensi alle cd. monomanie) [v. 88].

(2) Si è posto il problema di valutare la compatibilità di alcune circostanze con il vizio parziale di mente. È opinione prevalente in dottrina e giurisprudenza che vi sia compatibilità con la provocazione [v. 62, n. 2] in quanto il seminfermo è in grado di sentire l’ingiustizia delle altrui azioni al pari di qualunque altro soggetto. Quanto alla premeditazione la giurisprudenza ne afferma la compatibilità con il vizio parziale di mente in base alla considerazione che l’una inerisce al dolo e l’altro all’imputabilità.

In dottrina spesso si nega tale compatibilità in base al rilievo che il rimprovero mosso al soggetto per la persistenza del proposito criminoso postula una sua piena capacità d’intendere e di volere.

Dubbia è, altresì, la possibilità di porre a carico del seminfermo l’aggravante dei motivi abietti o futili [v. 61 n. 1]: in giurisprudenza prevale la tesi che ne riconosce la astratta compatibilità con il vizio parziale di mente, salvo che i suddetti motivi costituiscano un’estrinsecazione dello stato patologico del soggetto.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI