Che significa? | Termini giuridici

Aborto

10 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 10 ottobre 2015



Aborto (d. pen.): Per la scienza medica l’(—) è l’interruzione spontanea o provocata della gravidanza in un periodo in cui il feto manca ancora di vitalità, e cioè l’interruzione della gravidanza entro il 180° giorno dal concepimento, periodo in cui il prodotto del concepimento è incapace di vita extrauterina; tutte le ipotesi di espulsione del feto, anche morto, dopo tale periodo e prima del compimento del nono mese di gravidanza, sono invece considerate, per la scienza medica, parto prematuro.

Per il diritto penale, invece, l’(—) è l’interruzione intenzionale e violenta del processo fisiologico della gravidanza, con la conseguente morte e distruzione del prodotto del concepimento avvenuta in un qualsiasi momento del periodo che va dall’insorgere della gravidanza all’inizio del parto.

È ammessa l’interruzione volontaria entro 90 giorni dal concepimento solo se la prosecuzione della gravidanza comporti un serio pericolo per la salute fisico-psichica della madre, in rapporto alle condizioni economiche, sociali, familiari, alle circostanze del concepimento, o anomalie o malformazioni del concepito.

L’interruzione volontaria dopo i 90 giorni, invece è ammessa solo in presenza di grave pericolo per la vita della partoriente o per la sua salute fisico-psichica, in presenza di accertati processi patologici.

L’art. 19, L. 22-5-1978, n. 194 incrimina chiunque cagiona l’interruzione volontaria della gravidanza senza l’osservanza delle modalità prescritte negli artt. 5-8, L. 194/1978.

La norma incrimina e persegue tutti i casi di interruzione della gravidanza praticati:

—   al di fuori delle ipotesi in cui l’(—) è consentito;

—   al di fuori delle strutture sanitarie autorizzate a praticare l’intervento nei casi consentiti;

—   al di fuori delle procedure previste.

Soggetto attivo può essere chiunque, anche lastessa donna in gravidanza.

La condotta consiste nel cagionare volontariamente l’(—), il cui verificarsi segna il momento consumativo del reato, indipendentemente dalla morte del concepito maturo. Il dolo richiede la coscienza e volontà del fatto.

Pena: Art. 19, co. 1: reclusione fino a 3 anni (donna: multa fino a euro 51). Art. 19, co. 3: reclusione da 1 a 4 anni (donna: reclusione fino a 6 mesi).

Divulgazione di notizie relative ad interventi di interruzione della gravidanza (d. cost.)

L’art. 21 della Costituzione tutela il diritto alla riservatezza, punendo chi, fuori dei casi previsti dall’art. 326 c.p. (rilevazione ed utilizzazione di segreti di ufficio), essendone venuto a conoscenza per ragioni di professione o di ufficio, rivela l’identità, o comunque divulga notizie idonee a rivelarla, di chi ha fatto ricorso alle procedure o interventi previsti dalla L. 194/1978.

Pena: Reclusione fino a 1 anno o multa da euro 30 a euro 516.

Aborto preterintenzionale 

È l’ipotesi contemplata dall’art. 18, co. 2, L. 194/1978, che sanziona con la condotta di chiunque provochi l’interruzione della gravidanza come conseguenza di azioni dirette a provocare lesioni alla donna.

Pena: Reclusione da quattro a otto anni. Tale pena è diminuita fino alla metà se dalle lesioni deriva l’acceleramento del parto ed è raddoppiata se dal fatto deriva la morte della donna; se invece deriva una lesione personale gravissima la reclusione è da sei a dodici anni (pena diminuita nel caso di lesione non gravissima). Aumenti sono previsti se il fatto è commesso contro una minorenne.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI