Che significa? Agenzie pubbliche

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Agenzie pubbliche (d. amm.): Le Agenzie pubbliche sono il braccio operativo dei dicasteri per le attività a carattere tecnico-operativo di interesse nazionale.

In particolare, le Agenzie pubbliche sono vigilate e controllate dai Ministeri competenti, ma godono di piena autonomia operativa e di bilancio nell’ambito degli indirizzi politici generali e degli obiettivi concreti, assegnati loro dai Ministri e formalizzati in apposite «convenzioni».

Pur mancando di personalità giuridica le (—) dispongono di propri organi di gestione e di controllo interno, e operano al servizio non solo del Ministero al quale sono collegate, ma di tutte le amministrazioni pubbliche, comprese quelle regionali e locali.

Il D.Lgs. 300/1999 aveva previsto la costituzione di numerose Agenzie pubbliche, non tutte successivamente istituite.

Tra quelle effettivamente istituite, si ricordano quelle di carattere fiscale (Agenzia delle entrate, del territorio, delle dogane etc.).

Tra le Agenzie pubbliche da ricordare l’ Agenzia informazioni e sicurezza esterna e l’Agenzia informazioni e sicurezza interna; l’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione; l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata; l’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internalizzazione delle imprese italiane.

Di successiva istituzione sono: l’Agenzia per l’Italia digitale [vedi] predisposta dal D.L. 83/2012, conv. in L. 134/2012, che ha la funzione di perseguire il massimo livello di utilizzo delle tecnologie digitali nell’organizzazione della Pubblica Amministrazione, nel rapporto con i cittadini e le imprese; l’(—) per la coesione territoriale, istituita con il D.L. 101/2013, conv. in L. 125/2013, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza e l’efficacia nella gestione dei fondi strutturali europei in vista degli interventi per lo sviluppo e la coesione.

Agenzia del demanio 

L’Agenzia gestisce i beni immobili dello Stato e, dietro apposite convenzioni, anche i beni immobiliari delle Regioni, di enti locali e di altri enti pubblici. All’agenzia è, inoltre, attribuita la gestione dei beni confiscati dallo Stato alla criminalità organizzata.

Agenzia delle dogane e dei monopoli 

Svolge i servizi relativi all’amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei diritti doganali e della fiscalità interna negli scambi internazionali e delle accise [vedi] sulla produzione e sui consumi, escluse quelle sui tabacchi lavorati. L’(—) opera in stretto collegamento con gli organi dell’Unione europea nel quadro dei processi di armonizzazione e di sviluppo dell’unificazione europea. Ha incorporato a partire dal 1° dicembre 2012, l’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, e da quella data le sono state attribuite le funzioni precedentemente da questa svolte.

Agenzia delle entrate 

Alle (—) delle entrate sono attribuite le funzioni relative all’amministrazione, alla riscossione e al contenzioso delle imposte dirette, dell’IVA e di tutte le altre imposte, diritti o entrate erariali non di competenza di altre (—).

L’agenzia ha il compito di perseguire il massimo livello di adempimento degli obblighi fiscali sia attraverso l’assistenza ai contribuenti, sia attraverso controlli diretti a contrastare l’inadempimento e l’evasione.

A partire dal 1° dicembre 2012 l’Agenzia ha incorporato l’Agenzia del territorio (art. 23quater, D.L. 95/2012, conv. in L. 135/2012), per cui essa è anche competente a svolgere i servizi relativi al catasto, i servizi geo-topo-cartografici e quelli relativi alle conservatorie dei registri immobiliari.

Agenzia fiscale (d. trib.)

Ente pubblico non economico che opera sotto la vigilanza del Ministero dell’economia e delle finanze.

In un’ottica di riduzione della spesa, dal 1° dicembre 2012, è stata operata una ristrutturazione: l’Agenzia del territorio è stata incorporata nell’Agenzia delle entrate e l’Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato nell’Agenzia delle dogane.

Tale fusione avverrà gradualmente coinvolgendo inizialmente le strutture centrali per poi estendersi a quelle regionali e completarsi entro il 2015 con gli uffici operativi.

Attualmente, pertanto, le Agenzie fiscali sono:

—   Agenzia delle entrate [vedi];

—   Agenzia del demanio [vedi];

—   Agenzia delle dogane [vedi].

Agenzia per l’Italia digitale (d. amm.)

L’Agenzia è stata istituita con il D.L. 83/2012 (conv. in L. 134/2012) per incentivare la diffusione delle tecnologie informatiche, allo scopo di favorire l’innovazione e la crescita economica del Paese, mediante l’accelerazione della diffusione delle Reti di nuova generazione (NGN).

In tale ruolo, essa ha sostituito il DigitPA, che, nel disegno del D.Lgs. 177/2009, era deputato alla realizzazione dell’Amministrazione digitale [vedi].

In particolare, l’(—) sostiene la digitalizzazione per la condivisione delle informazioni pubbliche e la realizzazione di nuovi servizi per cittadini e imprese.

È sottoposta alla vigilanza del Presidente del Consiglio dei Ministri e suoi organi sono: il Direttore generale; il Comitato di indirizzo e il Collegio dei revisori dei conti.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI