Che significa? | Termini giuridici

Albergo

12 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 12 ottobre 2015



Albergo [contratto di] (d. civ.) (d. comm.): È un contratto misto che presenta sia elementi del contratto d’opera che di locazione con cui l’albergatore si obbliga, dietro corrispettivo in denaro, ad alloggiare il cliente nei locali dell’albergo, convenientemente mobiliati e provvisti di adeguati servizi, somministrandogli eventualmente anche il vitto (artt. 1783 ss. c.c.).

Il codice civile disciplina soltanto gli aspetti del contratto di Albergo relativi alla responsabilità dell’albergatore per le cose portate in albergo, ma non consegnate all’albergatore, limitando la stessa al valore di quanto sia deteriorato, distrutto o sottratto, sino all’equivalente di cento volte il prezzo di locazione dell’alloggio per giornata.

La responsabilità dell’albergatore è, invece, illimitata per le cose consegnategli in custodia e per quelle di cui ha illegittimamente rifiutato la custodia. La responsabilità dell’albergatore viene meno solo se la distruzione, il deterioramento o la sottrazione siano dovute: al cliente, alle persone che lo accompagnano, che sono al suo servizio o che gli rendono visita; a forza maggiore; alla natura intrinseca della cosa (es.: bene deperibile).

Sono nulli tutti i patti e le dichiarazioni tendenti ad escludere o a limitare preventivamente la responsabilità degli albergatori (art. 1785quater c.c.).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI