Che significa? Anagrafe

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Servizio di Anagrafe (d. amm.)

È il servizio che consente di conoscere la posizione di ogni cittadino e del suo nucleo familiare e, in un contesto più ampio, fornisce la situazione demografica del Comune. Le funzioni relative ai servizi anagrafici sono proprie dello Stato ma delegate ai Comuni e vengono svolte dall’Ufficiale dell’anagrafe [vedi].

L’ordinamento dell’Anagrafe della popolazione è organicamente disciplinato dalla L. 1228/1954 e dal regolamento di esecuzione approvato con D.P.R. 223/1989 nonché da istruzioni dell’ISTAT.

In ogni Comune è tenuta l’Anagrafe della popolazione residente nella quale sono registrate (in apposite schede anagrafiche) le posizioni relative alle singole persone, alle famiglie e alle convivenze, che hanno fissato nel Comune la loro residenza ed altresì le posizioni dei senza fissa dimora che hanno stabilito nel Comune il proprio domicilio; in mancanza di domicilio questi ultimi si considerano residenti nel Comune di nascita.

Presso i Comuni e presso il Ministero dell’Interno sono tenuti, altresì, i dati dei cittadini italiani residenti all’estero, ai sensi della L. 470/1988 istitutiva dell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE). In questa particolare (—) confluiscono in realtà tutte le schede eliminate dall’anagrafe dei residenti in Italia in ragione dei trasferimenti in altri Paesi ed anche le schede compilate per trascrizione di atti di stato civile pervenuti dall’estero.

La disciplina di cui sopra è destinata, tuttavia, a subire modifiche in virtù dell’istituzione, presso il Ministero dell’Interno, dell’ANPR (Anagrafe nazionale della popolazione residente) ad opera dell’art. 62 del D.Lgs. 82/2005 (cd. Codice dell’amministrazione digitale) che andrà a sostituirsi, tra le altre, alle Anagrafi delle popolazioni residenti tenute presso i Comuni. Le modalità operative per il graduale subentro dell’ANPR all’Anagrafe della popolazione residente e a tutte le altre anagrafi, da completarsi entro il 31 dicembre 2014, sono state in parte definite con D.P.C.M. 109/2013.

Anagrafe tributaria (d. trib.)

Centro di raccolta e di elaborazione, su scala nazionale, dei dati e delle notizie riguardanti la capacità contributiva [vedi] dei singoli soggetti, nonché di smistamento di tali dati agli uffici preposti all’accertamento e al controllo. Vi sono iscritti tutti i contribuenti a cui viene attribuito un numero di codice fiscale [vedi] individuale.

Mediante l’Anagrafe è possibile prendere visione dell’elenco preciso dei contribuenti e di una serie di dati utili ai fini dell’accertamento e dello studio dei fenomeni tributari.

L’Anagrafe, inoltre, raccoglie elementi e notizie in ordine a movimenti economici fiscalmente rilevanti, che possono essere utilizzati, attraverso controlli incrociati, da altre pubbliche amministrazioni; non a caso la banca-dati dell’Anagrafe viene impiegata per la lotta al riciclaggio del denaro sporco e per verificare l’effettivo reddito di quanti chiedono allo Stato di usufruire di benefici assistenziali e previdenziali.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI