Che significa? Apprendistato

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Apprendistato (d. lav.)

L’ Apprendistato  costituisce un contratto di lavoro subordinato a contenuto formativo, in cui a fronte della prestazione lavorativa il datore si obbliga a corrispondere all’apprendista non solo una controprestazione retributiva, ma anche gli insegnamenti necessari per il conseguimento di una qualifica professionale o di un diploma di istruzione secondaria superiore e di titoli di studio universitari e dell’alta formazione, a seconda della tipologia di apprendistato prescelta.

L’Apprendistato  è un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, la cui disciplina è integrata dai contratti collettivi nazionali di lavoro o da appositi accordi interconfederali.

Il D.Lgs. 167/2011, che costituisce il Testo unico in materia di  Apprendistato , distingue tra:

—  Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, rivolto ai giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, che può essere utilizzato anche per assolvere l’obbligo di istruzione;

—  Apprendistato  professionalizzante o contratto di mestiere per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni;

—  Apprendistato  di alta formazione e di ricerca, per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che può essere utilizzato anche per il praticantato nelle professioni ordinistiche o per esperienze professionali.

Con le ultime riforme in materia di lavoro, si è inteso valorizzare il contratto di  Apprendistato come modalità prevalente di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro (L. 92/2012). Il cd. Jobs Act [vedi], per agevolare il ricorso all’Apprendistato , ha ridimensionato il limite costituito dall’obbligo, per le imprese, di stabilizzare una certa percentuale dei rapporti di Apprendistato  instaurati prima di procedere a nuove assunzioni con tale tipologia contrattuale (art. 2 D.L. D.L. 34/2014, conv. in L. 78/2014). Attualmente solo per i datori di lavoro che occupano almeno 50 dipendenti, l’assunzione di nuovi apprendisti è subordinata alla prosecuzione a tempo indeterminato, al termine del periodo di formazione, nei 36 mesi precedenti la nuova assunzione, di almeno il 20% degli apprendisti. I contratti collettivi nazionali possono individuare una differente percentuale di stabilizzazione.

Sempre il Jobs Act ha previsto la possibilità, da parte dei contratti collettivi, di introdurre, nelle Regioni in cui sia operativo un sistema di alternanza scuola-lavoro, specifiche modalità di utilizzo del contratto di apprendistato anche a tempo determinato per lo svolgimento di attività stagionali.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI